Kung Fu Panda 3 è un film d'animazione del 2016 prodotto dalla DreamWorks Animation e diretto da Jennifer Yuh e Alessandro Carloni. Pa...

Kung Fu Panda 3 è un film d'animazione del 2016 prodotto dalla DreamWorks Animation e diretto da Jennifer Yuh e Alessandro Carloni.

Parte della serie Kung Fu Panda, è il secondo sequel di Kung Fu Panda del 2008 e sequel del film del 2011 Kung Fu Panda 2.

Se la trama può sembrare complicata, l'ora e mezza di narrazione filmica riesca a rendere Kung Fu Panda 3 comprensibile anche ai più piccoli attraverso quella reiterazione variegata ma sistematica che sta alla base di ogni insegnamento efficace. L'altra chiave della comprensibilità della storia - e dell'efficacia della narrazione filmica - è la leggerezza con la quale Kung Fu Panda 3 affronta temi filosofici (e religiosi) piuttosto pesanti.

Come negli episodi precedenti, la marcia in più è la velocità: l'azione è sempre fulminea ed elegante come una mossa di kung fu, l'uso di tecniche di animazione (e cinematografiche) miste, come il passaggio dalle immagini in 3D a quelle in 2D, dalla graphic novel all'iconografia tradizionale cinese, ma anche l'uso dello split screen, del ralenti e dell'accelerazione improvvisa, rendono lo svolgimento della storia fluido e spedito.
panda3
Trama
« Kai: Chi sei tu?
Po: Mi sono chiesto la stessa cosa... Sono il figlio di un panda? Il figlio di un'oca? Un allievo? Un insegnante? Alla fine... sono tutti loro... Io sono il Guerriero Dragone. »
(Po a Kai prima del loro ultimo scontro.)


Nel mistico Regno degli Spiriti, Oogway viene attaccato e sconfitto da Kai, suo vecchio nemico, che ruba il suo Chi e lo tramuta in un piccolo amuleto di giada. Tuttavia prima di soccombere Oogway avverte Kai che il suo destino è quello di essere sconfitto dal Guerriero Dragone. Kai incurante dei suoi avvertimenti accetta la sfida e utilizza il Chi sottratto ad Oogway per tornare nel Mondo dei Mortali per distruggere tutto ciò che Oogway ha creato e cancellarne il ricordo (come Oogway aveva fatto con lui).

Nel frattempo nel Regno dei Mortali, Shifu annuncia a Po e ai Cinque Cicloni il suo ritiro dalla carica di maestro e passa il ruolo di insegnante del Palazzo di Giada a Po. Po non si sente ancora pronto per tale incarico e infatti i suoi tentativi di addestrare i Cinque Cicloni finiscono disastrosamente. Demoralizzato dal suo fallimento Po chiede aiuto a Shifu confidandogli che non vuole prendersi la responsabilità di diventare un maestro in quanto a lui basta essere quello che già, ma Shifu gli ribatte che "se fai solo quello sai fare non sarai mai più di quello che sei già", mettendo in discussione cosa voglia veramente dire essere il Guerriero Dragone, e affermando che anche un maestro può imparare qualcosa mostrando a Po la tecnica per donare il Chi. Prima di congedare Po, Shifu gli consiglia di non cercare di cambiare per diventare un insegnante ma cercare di essere solo se stesso, lasciando ancora più pieno di dubbi il povero panda.

Nel frattempo, Kai giunge finalmente nel Mondo dei Mortali e ordina ai suoi schiavi di giada (in realtà gli spiriti di maestri kung fu a cui ha rubato il Chi) di trovare gli allievi di Oogway e portarli da lui. Nella Valle della Pace, Po ritorna al ristorante del suo padre adottivo Mr. Ping dove si confessa con quest'ultimo e scopre che qualcuno sta battendo il suo record di mangiata di ravioli al vapore. Il misterioso individuo si rivela essere un panda di nome Li Shang che afferma di cercare suo figlio. Po lo riconosce subito come suo padre e i due legano molto in fretta, suscitando la gelosia di Mr. Ping. Poco dopo aver presentato suo padre ai suoi amici, il villaggio viene attaccato dagli zombi di giada di Kai, che vengono ritirati da quest'ultimo dopo aver scoperto la locazione del Palazzo di Giada. Dopo una lunga ricerca Po e gli altri scoprono la vera storia di Kai: un tempo lui e Oogway erano grandi amici, tanto da considerarsi fratelli. 

Durante un'imboscata Oogway venne ferito gravemente e Kai lo trasportò fino ad un luogo di cura, un villaggio segreto di panda che curarono Oogway grazie al potere del Chi. Tuttavia la brama di potere di Kai lo portò a tradire il suo amico e a inventare una sua personale tecnica per rubare il Chi degli altri, per questo Oogway fu costretto a sconfiggerlo e ad esiliarlo nel Regno degli Spiriti, e se mai fosse tornato sulla terra l'unico a poterlo sconfiggere sarebbe stato il "Maestro del Chi". Li Shang afferma di conoscere il potere del Chi e consiglia a Po di venire con lui al villaggio segreto dei panda dove ora vive, per riscoprire cosa voglia dire essere un panda e addestrarlo all'uso del Chi. Così Li Shang, Po e Mr. Ping (che non vuole lasciare Po da solo con suo padre per paura di perderlo) si mettono in viaggio, mentre Shifu e i Cinque Cicloni rimangono a proteggere la valle, e Mantide e Gru vengono inviati a rintracciare Kai. 

Una volta arrivati al villaggio Po viene iniziato da suo padre agli usi e costumi dei panda (mangiare smisuratamente, rotolare invece di camminare e le arti della bella vita), simpatizzando subito con i vari panda, soprattutto con Mei Mei, la danzatrice col nastro del villaggio. Nonostante la sua missione, Po viene contagiato dalla vita serena dei panda sentendosi per la prima volta accolto da persone come lui.
Nel frattempo, Mantide e Gru insieme a Maestro Orso (un orso), Pollo (un pollo) e Croc (un coccodrillo) trovano Kai, ma vengono tutti facilmente sconfitti dallo spirito guerriero che assorbe il loro Chi. Intanto al villaggio dei panda Li Shang parla a Po di sua madre e di come dopo che il suo villaggio natale fu distrutto da Lord Shen e aver perso sua moglie e Po fece rifugiare i panda in un villaggio segreto sulle montagne. Intanto Kai arriva al Palazzo di Giada e lo distrugge, ma non prima di aver rubato il Chi di Scimmia, Vipera e Shifu, mentre Tigre riesce a scappare e a raggiungere Po per avvertirlo che Kai sta arrivando per sconfiggere lui e tutti i panda. 

Li Shang ordina a tutti i panda di fuggire ma Po vuole rimanere per combattere Kai, chiedendo insistentemente a suo padre di insegnarli la tecnica del Chi, ma Li gli rivela infine che nessuno conosce più tale tecnica e ha mentito a Po per poterlo proteggere. Arrabbiato con il padre, Po comincia ad allenarsi da solo, ma dopo essersi confrontato con Tigre capisce che non può farcela da solo. Mr. Ping convince Li Shang ad appoggiare il figlio e convince tutti i panda ad aiutare Po. Po all'inizio scettico capisce che lui può insegnare il kung fu ai panda sfruttando le loro abilità e le loro azioni quotidiane elaborando un piano per salvare il loro villaggio.

Il mattino seguente Kai arriva al villaggio e manda i suoi zombi di giada a catturare Po, ma questi vengono sconfitti dai panda, mentre Po riesce ad avvicinarsi a Kai per poterlo finire con la Presa del dito Wuxi (la stessa mossa utilizzata da Po per sconfiggere Tai Lung, nel primo film). Tuttavia, il piano fallisce poiché tale mossa funziona solo sui mortali mentre Kai è uno spirito guerriero. Questo permette a Kai di avere il sopravvento su Po che per salvare tutti decide di usare la Presa del dito Wuxi su se stesso portando con se Kai nel Regno degli Spiriti. Furioso Kai si scaglia su Po e riesce quasi a rubargli il Chi, ma grazie al sostegno di tutti i panda, di Ping e di Tigre che riscoprono il potere di donare il Chi, Po si libera dalla presa di Kai e dopo aver capito cosa voglia veramente dire essere il Guerriero Dragone, diventa anche "Maestro del Chi", proiettando un'aura dorata a forma di dragone cinese, con cui riesce ad avere la meglio su Kai che tuttavia rifiuta di arrendersi. Po allora dona tutto il suo Chi a Kai, che pensa di aver vinto ma si rende conto troppo tardi che il suo potere è troppo e ne viene distrutto, liberando anche tutti i guerrieri che aveva imprigionato. 

Nonostante tutto sia tornato alla normalità, Po rimane nel Regno degli Spiriti dove incontra Oogway che finalmente svela il motivo per cui Po è stato scelto come Guerriero Dragone: Oogway aveva visto i suoi antenati panda usare benevolmente il Chi e aveva capito che solo un loro discendente avrebbe potuto accomunare passato e futuro, yin e yang, e rivelandosi il suo vero e unico successore, svelando inoltre che era stato lui a svelare a suo padre che Po era vivo. Oogway dona a Po un bastone mistico per poter tornare nel Mondo dei Mortali e lo congeda benevolmente, Po ritorna sulla terra dove viene accolto da tutti i suoi conoscenti accettando il suo ruolo di maestro, insegnando la tecnica del "Dono del Chi" ai suoi amici e familiari, tra cui Shifu.
KungFuPanda3
Personaggi.
    Po: il panda gigante eroe del film. Grasso, pigro e maldestro come negli episodi precedenti, anche se in questo film appare più serio e riflessivo. Dovrà riuscire a trovare dentro di se la forza di passare da allievo a maestro. Inoltre, incontrerà finalmente il suo padre biologico Li Shan, da cui apprenderà tutto ciò che significa essere un panda. Alla fine diventerà un grande maestro acquisendo anche il grado di "Maestro del Chi".

    Maestro Shifu: panda minore, è il saggio maestro di Po. Pienamente fiducioso in Po, in questo film lascerà il suo ruolo di maestro del palazzo di giada per ritirarsi a vita privata. Tuttavia combatterà sempre per salvaguardare la Valle della Pace e i suoi allievi.

    I Cinque Cicloni: Tigre, Gru, Vipera, Scimmia e Mantide, sono i protettori della Valle della Pace, nonché aiutanti e amici di Po. Tuttavia nonostante le loro abilità verranno facilmente sconfitti (a parte Tigre) da Kai.

    Li Shang: è il padre biologico di Po e capo del villaggio segreto dei panda. Dopo che il suo villaggio natale fu distrutto da Lord Shen e aver perso sua moglie e Po (chiamato da loro due "Piccolo Loto") fece rifugiare i panda in un villaggio segreto sulle montagne. Una volta ritrovato Po diventerà molto apprensivo e protettivo nei suoi confronti per timore di perderlo di nuovo. Alla fine del film diventerà molto amico di Mr. Ping e accetterà che suo figlio pratichi missioni pericolose, riscoprendo inoltre insieme agli altri panda il potere benevolo del Chi.

    Kai: è uno spirito maligno guerriero, delle sembianze di uno yak, nonché antagonista del film. Conosciuto anche come la Bestia della Vendetta, il Maestro del Dolore ed il Crea Vedove, un tempo era un giovane e ambizioso generale, grande amico di Oogway, tanto da essere considerato da quest'ultimo come un fratello. Tuttavia la sua brama di potere lo portò a tradire il suo amico e a inventare una sua personale tecnica per rubare il Chi degli altri. Per questo fu bandito da Oogway nel Regno degli Spiriti. Dopo circa 500 anni in esilio, Kai riesce a tornare nel regno dei mortali, grazie al Chi rubato ad Oogway, per distruggere il ricordo di quest'ultimo e dominare sulla Cina. Non possiede una vera e propria tecnica di Kung Fu ma lotta con due possenti spade fatte di giada che controlla tramite delle lunghe catene. Inoltre può assorbire il Chi delle altre persone imprigionando quest'ultime in piccoli amuleti di giada, che tiene alla cintura. I guerrieri che cattura possono essere poi da lui evocati sotto forma di zombie di giada, che può controllare e usare per spiare le mosse dell'avversario. Alla fine dopo un lungo combattimento con Po, tenta di assorbire il Chi di Po, ma il suo potere è talmente potente da non poter essere controllato e finisce di distruggerlo liberando i guerrieri che aveva imprigionato.

    Mr. Ping: un'oca, padre adottivo di Po a cui è molto affezionato. Diventa estremamente geloso quando viene a sapere del ritorno del vero padre di Po, poiché crede che quest'ultimo voglia portarglielo via. Alla fine però i due si chiariranno e diventeranno molto amici.

    Oogway: vecchia e saggia tartaruga, morta nel primo film che ora vive nel Regno degli Spiriti. All'inizio del film viene sconfitto da Kai che ruba il suo Chi e lo trasforma in amuleto di giada. Alla fine del film viene liberato da Po a cui svela il motivo del perché è diventato il Guerriero Dragone. Nonostante il suo carattere saggio e tranquillo è un gran burlone.

    Mei Mei: una giovane panda femmina, attraente e sfacciata, che si prende una cotta per Po. È la più abile danzatrice con in nastro del villaggio e per questo molto ammirata. Po le insegnerà anche come utilizzare il nunkchaku.

    Maestro Orso, Croc e Pollo: sono rispettivamente un orso, un coccodrillo e un gallo grandi maestri di Kung Fu, che purtroppo verranno sconfitti quasi subito da Kai.


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

Due facce di un assassino (Face/Off) è un film del 1997 diretto da John Woo e interpretato da John Travolta e Nicolas Cage. La trama del f...

Due facce di un assassino (Face/Off) è un film del 1997 diretto da John Woo e interpretato da John Travolta e Nicolas Cage.

La trama del film è incentrata sui personaggi di Sean Archer, un agente dell'FBI, e Castor Troy, un terrorista, che a seguito di un intervento di chirurgia plastica all'avanguardia assumono rispettivamente l'uno le sembianze dell'altro.
Il film riscosse un grandissimo successo sia di critica che di pubblico, incassando in tutto il mondo circa 245 milioni di dollari.

Sfrutta il carisma di due "esperti" dei film d'azione, Nicolas Cage e John Travolta, decorando l'intero film con adeguati e aggiornati effetti speciali, concludendo con un finale spettacolare e inaugurando il nuovo genere azione/sparatutto degli anni novanta e duemila. Il risultato è un affascinante, e a tratti divertente, accostamento di situazioni in cui lo spettatore vorrebbe immedesimarsi. Gigioneschi ambedue gli attori protagonisti, a cui si accosta l'attore italo-americano Alessandro Nivola. La colonna portante del film è il tema del "doppio", cui lo spettatore è portato a chiedersi quale, tra Travolta e Cage, sia portato meglio a impersonare il poliziotto o il killer.
faceoff-face-off.457
Trama.
Sean Archer è un agente dell'FBI sulle tracce di Castor Troy, un pericolosissimo e sregolato terrorista mercenario, che sei anni prima ha cercato di uccidere Sean in un attentato, e invece ha ucciso suo figlio. Troy sta effettuando uno scambio di droga insieme al fratello Pollux, quando interviene Sean: il criminale allora cerca di scappare con un aereo, che viene però messo fuori uso dall'agente, il quale, dopo una sparatoria all'ultimo sangue, riesce ad arrestare Pollux, con Troy che cade in coma dopo la colluttazione.

I suoi superiori dicono a Sean che la circostanza gli potrebbe permettere, grazie ad un rivoluzionario intervento chirurgico, di prendere le sembianze di Troy allo scopo di carpire a Pollux la collocazione della bomba batteriologica che i due hanno nascosto in un luogo segreto a Los Angeles. Inizialmente Sean non vuole assumere l'identità della sua nemesi, e per farsi dire la zona in cui è nascosta la bomba interroga gli uomini dei due fratelli, ma senza successo.

Decide quindi di sottoporsi all'intervento, che riesce perfettamente. Viene quindi portato nel carcere in mezzo al mare di Erewhon, per farsi dire da Pollux dove si trova la bomba, ma proprio allora Troy si risveglia dal coma e assume a sua volta le sembianze di Sean, uccidendo poi i suoi due superiori e il chirurgo che aveva fatto l'intervento: le uniche tre persone a conoscenza dello scambio vengono così eliminate e l'agente si ritrova costretto a rimanere in carcere. Il criminale, inoltre, fa liberare il fratello e approfitta del suo nuovo volto per stare con la moglie di Sean e per svolgere il suo lavoro, disattivando l'ordigno e diventando così un eroe.

Grazie, tuttavia, all'aiuto del carcerato Dubov e ad un rocambolesco quanto efficace piano, Sean riesce a scappare dalla prigione e a nuotare fino a riva per tornare a casa, ma, intuendo che con le sue nuove sembianze verrebbe ucciso dagli agenti della sua stessa squadra, decide di andare dalla banda di Troy per farsi aiutare.

Una sera, nel frattempo, Troy, mentre sta parlando al telefono col fratello del suo piano di sfruttare le risorse che il governo intende concedergli per distruggere la loro concorrenza e poi tornare alla ribalta, vede Jamie, la ribelle figlia di Sean, rientrare in casa col suo ragazzo: mentre tenta di scendere dall'auto, lui la ferma e cerca di violentarla. Il terrorista esce quindi di casa e sfonda il vetro dell'auto per poi tirare fuori il ragazzo e picchiarlo, terrorizzandolo e mandandolo via; crede di aver capito che la ragazza finge di essere un'altra persona, nella speranza di non soffrire più per la morte del fratello, per poi darle un coltello per difendersi. In realtà la ragazza si stava solo rendendo conto delle difficoltà dell'età adulta, come intuito dal padre dopo l'arresto di Troy.

Sean, intanto, scopre che Castor, all'insaputa di tutti, ha avuto un figlio da Sasha, una donna del gruppo, estremamente somigliante al figlio perduto Michael. In quel momento Troy, venuto a conoscenza del piano di Sean e grazie a una squadra d'azione di cui fa parte anche il fratello Pollux, arriva al covo della banda e ne uccide tutti i componenti ad eccezione di Sasha, Sean e il bambino, che riescono a salvarsi; nello scontro, per cercare di uccidere Sean, Pollux cade dalla scala antincendio schiantandosi a terra e morendo sul colpo. Sean, intanto, riesce ad andare all'ospedale dove lavora sua moglie per farsi curare e, grazie al confronto tra i gruppi sanguigni suo e di Troy, le dimostra la verità.

Durante il funerale di Victor Lazarro, il capo del dipartimento ucciso da Troy, Sean decide di chiudere la questione e, dopo che sono andati via tutti, si scontra con Castor, riuscendo a convincere anche Jamie, sua figlia, di essere il suo vero padre. Sasha, per proteggere Sean (che lei crede ancora sia Troy), muore e il vero criminale è costretto a scappare. Dopo un inseguimento con due motoscafi, i due si trovano alla resa finale sulla sabbia della scogliera. Sean sta per infilare nel corpo di Troy un arpione e questi, sapendo di morire, comincia a graffiarsi la faccia con una scheggia di vetro, come nell'intervento chirurgico, per far vivere il resto della vita al poliziotto con il volto di un terrorista.

Sean, non sopportando di vedere la propria faccia rovinata, riesce a dare un calcio a Castor in modo che non possa più tenere bloccato l'arpione, e così lo uccide. Quando arrivano gli agenti dell'FBI, che hanno scoperto la vera identità dei due grazie al racconto della moglie dell'agente, trasportano entrambi al pronto soccorso per rifare l'intervento. Sean, con le proprie sembianze, ritorna infine a casa insieme al figlio di Troy, che viene adottato dalla sua famiglia.
Face_Off2


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

Occhi di Vetro è un romanzo di David Martin. Bella la storia, ma sicuramente non adatta ad animi molto sensibili. Esplicite descrizion...

Occhi di Vetro è un romanzo di David Martin.

Bella la storia, ma sicuramente non adatta ad animi molto sensibili.

Esplicite descrizioni di crudeltà fanno scendere il lettore negli abissi più bui che possono celarsi nella mente umana.

Consigliato per chi ama i thriller senza censure.
occhi-di-vetro
Trama.
Nel bel mezzo di un servizio televisivo su rapimenti e sevizie a minori, il noto anchorman John Lyon improvvisamente scoppia a piangere davanti a milioni di telespettatori. Creduto malato di nervi, viene allontanato dal lavoro e la sua carriera sembra definitivamente conclusa, finch? un’anziana ex infermiera, Claire, lo contatta, riferendogli un’agghiacciante storia circa un medico del West Virginia, Mason Quinndell. Costui ritiratosi dalla professione a causa di un’inquietante infermit?, ? colpevole in passato di aver rapito e poi ucciso neonati con metodi raccapriccianti, e al presente di adescare sconosciuti di passaggio che sottopone a stupri e a mortali torture. Dopo questa sconvolgente rivelazione e il conseguente appello a fermare il pazzo omicida, la donna si getta sotto le ruote di un’auto. 

Lyon decide allora di far luce sul terrificante caso, convinto che nelle parole sconnesse della defunta esista un fondo di verit? e che, se lui riuscir? a smascherare il criminale, anche la sua vita e la sua professione ne verranno riscattate. 

Inizia cos? una truce, allucinante vicenda, dalle tinte più che fosche e dal tesissimo ritmo narrativo.
Lyon, affiancato dalla nipote di Claire, entra in un vero tunnel dell’orrore alla ricerca del mostro, un cieco dai gelidi occhi di vetro che si circonda di un cast di personaggi grotteschi: dal vicesceriffo Cari, un gigante senza cervello, che gli offre le vittime e le lascia in cantina a finire la loro agonia, alla prostituta Mary, sua complice, al signor Gigli, uno dei più spaventevoli aiutanti mai scaturiti da penna d’autore


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

Il Buio Oltre la Notte è un romanzo di Michael Connelly , edito nel 2001. È il settimo libro della lunga serie avente come protagonista il...

Il Buio Oltre la Notte è un romanzo di Michael Connelly, edito nel 2001. È il settimo libro della lunga serie avente come protagonista il detective di 3º grado della Polizia di Los Angeles Harry Bosch.

Il titolo dell'opera, come si può dedurre dalle pagine del romanzo, è spiegato dall'autore attraverso la narrazione: il buio è un elemento caratterizzante le opere del pittore fiammingo Hieronymus Bosch, figura centrale nello svolgimento delle indagini che porterà l'ex agente dell'FBI Terry McCaleb a sospettare di un omicidio proprio il detective della Polizia Harry Bosch.

Harry Bosch e Michael Connelly non deludono mai ed ogni loro caso ti tiene sempre incollato sino alla fine tra un colpo di scena e l'altro.

il-buio-oltre-la-notte

Trama.

Los Angeles, ultimo giorno dell'anno. Il detective Harry Bosch si trova in un carcere dove si è recato per parlare ad Edward Gunn, il dissoluto protagonista dell'omicidio che si svolgerà nella nottata successiva, nella quale verrà ucciso. Edward, che conduceva una vita tra alcool e vizi, conosceva benissimo il detective in quanto, tutte le volte che era stato arrestato per i suoi abusi, aveva trovato ad occuparsi di lui sempre Harry Bosch.

L'ex-agente dell'FBI Terry McCaleb vive ora una vita tranquilla sull'isola di Catalina a Sud di Los Angeles con la moglie Graciela e la figlia Cielo. Inaspettatamente però riceve la visita di Jaye Winston, la detective dello sceriffo di LA, che gli porta un fascicolo e una videocassetta di un caso che non riesce a risolvere: l'omicidio di Edward Gunn. Terry, ex-agente dell'FBI, non lavora più ai casi per problemi al cuore che lo obbligano a cure pesanti: travolto dal suo naturale istinto e dall'amore e dal rimpianto per il lavoro che è stato obbligato ad abbandonare, Terry promette a Jaye di dare un'occhiata al fascicolo e di farle avere una sua idea sul caso. In maniera incontrollabile Terry viene travolto dalla passione per le indagini e si ritrova a lavorare giorno e notte al caso: ricorrendo alla rete di conoscenze che aveva quando era in servizio Terry lavora in parallelo con Jaye per risolvere questo inesplicabile mistero. L'omicida di Gunn aveva architettato la scena del delitto in maniera apocalittica, ricorrendo a frasi e adottando lo schema artistico del pittore fiammingo Hieronymus Bosch: elemento centrale nella scena del delitto è un gufo in plastica che sembrava sorvegliare sulla stanza. In base alle ricerche effettuate prevalentemente da Terry, che prende il controllo dell'indagine andando ben oltre la semplice lettura del fascicolo e così spodestando Jaye Winston, i due giungono ad una scoperta sensazionale: il profilo dell'assassino coincide quasi perfettamente a quello di Harry Bosch.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

rss-icon-feed-1_thumb2

La seconda stagione della serie televisiva Better Call Saul viene trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d'America da AMC dal 15 f...

La seconda stagione della serie televisiva Better Call Saul viene trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d'America da AMC dal 15 febbraio 2016.

nº Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Pubblicazione Italia
1 Switch Cambiamento 15 febbraio 2016 16 febbraio 2016
2 Cobbler La Torta della Luna Piena 22 febbraio 2016 23 febbraio 2016
3 Amarillo Amarillo 29 febbraio 2016 1º marzo 2016
4 Gloves Off Senza guanti 7 marzo 2016 8 marzo 2016
5 Rebecca Rebecca 14 marzo 2016 15 marzo 2016
6 Bali Ha'i Bali Ha'i 21 marzo 2016 22 marzo 2016
7 Inflatable Gonfiabile 28 marzo 2016 29 marzo 2016
8 Fifi Fifi 4 aprile 2016 5 aprile 2016
9 Nailed Inchiodato 11 aprile 2016 12 aprile 2016
10 Klick Finale: Klick 18 aprile 2016 19 aprile 2016
better-call-saul-1
Cambiamento.
    Titolo originale: Switch
    Diretto da: Thomas Schnauz
    Scritto da: Thomas Schnauz

Trama.
La seconda stagione si apre esattamente come la prima: in un flash in bianco e nero viene mostrata la grigia esistenza di Saul Goodman successiva alle avventure di Breaking Bad ed al suo rapporto con Walter White; a fine giornata, dopo aver chiuso il suo piccolo esercizio commerciale ed aver salutato le sue due dipendenti, Saul porta sul retro due sacchi di immondizia ma rimane bloccato da una porta difettosa; invece di suonare l'allarme, che lo terrorizza perché vorrebbe dire attirare su di sé l'attenzione delle autorità, preferisce sedersi in silenzio ed aspettare che qualcuno passi di là, cosa che succede dopo diverse ore. Nell'attesa, non riesce però a trattenersi dal lasciare sul muro una traccia del vero se stesso, incidendo le lettere "SG WAS HERE".

La scena si risposta al "presente", ovvero al passato di Saul: deluso dopo la scoperta del doppio gioco di suo fratello Chuck, deluso altrettanto dal rifiuto di Kim ad una futura relazione con lui, Jimmy decide di lasciare per sempre l'avvocatura, sdegnando l'offerta di lavoro allo studio legale Davis & Main's. Poco dopo, Kim va a trovare Jimmy, che trascorre le sue giornate su un materassino in piscina, per chiedergli conto del suo strano comportamento: Jimmy è ormai profondamente cambiato, non permette più al suo rispetto per le regole di bloccarlo, ma fa quello che vuole senza paura; a dimostrazione di ciò, Jimmy e Kim vanno in un bar, ma al momento dell'ordinazione vedono che il liquore che volevano ha un prezzo esorbitante, pertanto con un tranello se lo fanno offrire da un ricco uomo d'affari che si trovava nel locale, truffandolo; questo uomo d'affari, che usa abitualmente parlare ad alta voce con un telefono auricolare disturbando tutti i presenti, è lo stesso che farà adirare Walter White, per il suo comportamento altezzoso ed egocentrico, tanto che Walter approfitterà di un attimo di distrazione dell'uomo per bruciargli la sua costosa auto. Dopo la giornata trascorsa con Kim, Jimmy si rende conto che questa vita vuota non fa per lui, pertanto ritorna da Davis & Main's e accetta il lavoro.

Contemporaneamente, Mike Ehrmantraut si incontra con Pryce, l'uomo a cui presta il suo servizio di guardia del corpo durante gli scambi di farmaci (usati come stupefacenti) con Nacho: Pryce è eccitato da tutto il denaro che ora possiede e si compra un suv estremamente vistoso, Mike invece insiste nel voler fare a modo suo, usando cautela e muovendosi nell'anonimato; Pryce decide quindi di licenziare Mike, ritenendo di non averne più bisogno; arrivato all'incontro da solo, Nacho approfitta dell'ingenuità di Pryce per rubargli i dati personali dall'auto (nome e indirizzo). Poco dopo, Pryce viene derubato dei farmaci e della sua pregiata collezione di figurine di giocatori di baseball; chiama dunque la polizia, che sembra però non credere alla versione dell'uomo (che naturalmente denuncia il furto solo della collezione di figurine, non dei farmaci) specialmente quando trovano uno scompartimento segreto dietro un divano.

La Torta della Luna Piena.
    Titolo originale: Cobbler
    Diretto da: Terry McDonough
    Scritto da: Gennifer Hutchison

Trama.
Pryce si reca alla stazione di polizia, su invito dei due poliziotti sopraggiunti in casa sua, per riferire maggiori dettagli sul furto subito; all'ingresso, Mike lo riconosce e gli chiede il motivo della sua presenza alla stazione di polizia; una volta sentita la spiegazione di Pryce, Mike ha però un'intuizione: l'esperienza di Mike da ex-poliziotto, infatti, gli fa escludere che i poliziotti siano tanto interessati ad un futile furto di qualche figurina da baseball, ma probabilmente hanno notato o in casa di Pryce o nella sua versione dei fatti qualcosa di più grave, magari un commercio di droga, ed ora vogliono torchiarlo fino a farlo crollare e fargli dire tutta la verità; ovviamente Mike non può permettere tutto ciò, perché lui ha partecipato agli affari illegali di Pryce, quindi si troverebbe tirato in ballo, perciò propone a Pryce di occuparsi lui del ritrovamento delle preziose figurine da collezione, a patto che Pryce non parli mai coi poliziotti; Pryce accetta le condizioni.

Mike intuisce immediatamente che il colpevole è Nacho: si reca subito sul posto di lavoro del giovane, un'officina di proprietà del padre, e lì lo minaccia in modo piuttosto sottile: ossia gli propone di restituire le figurine a Pryce, altrimenti lui andrà da Tuco a riferire che la sua spalla Nacho faceva scambi di droga a sua insaputa; Nacho, conoscendo l'indole irascibile e talvolta folle di Tuco, accetta la proposta di Mike, a patto però di ricevere anche dieci mila dollari e il suv di Pryce, che non intende usare ma rivendere pezzo per pezzo; Mike e Nacho accettano le condizioni l'uno dell'altro. Rimane però il problema di Pryce che viene continuamente contattato dalla polizia, avendo saltato l'incontro prestabilito alla centrale.

Qui torna in gioco il protagonista James McGill: sempre impegnato nella sua lotta contro i soprusi della casa di riposo Giselle Saint Claire sugli anziani che vi risiedono, impegnato altresì in un rapporto di botta e risposta con suo fratello Chuck, che cerca sempre di farlo innervosire e crollare, James viene contattato da Mike affinché tolga definitivamente Pryce dagli interessi della polizia. James si presenta dunque alla stazione in qualità di difensore di Pryce: una volta rimasto solo coi poliziotti, racconta loro una storia abbastanza imbarazzante, cioè che lo scompartimento segreto in casa di Pryce non serviva per nascondere droga o altri affari illegali, ma solo dei video fetish in cui Pryce si siede su delle torte e piange a dirotto; nonostante l'elogio forte e veemente di James sia sufficiente a convincere i poliziotti su quella storia, egli decide di fabbricare un video in cui Pryce effettivamente fa ciò che ha raccontato ai poliziotti. Poche ore dopo, racconta la sua giornata a Kim, la quale è profondamente contrariata dal gesto di James, dato che girare quel video come fondamento alla propria versione equivale a fabbricare delle prove false, uno dei peggiori crimini che un avvocato possa commettere.

Amarillo.
    Titolo originale: Amarillo
    Diretto da: Scott Winant
    Scritto da: Jonathan Glatzer

Jimmy intercetta un autobus pieno di anziani residenti alla Sandpiper e ne approfitta per sponsorizzare la propria causa con tutti i clienti presenti, cioè rivelando loro che potrebbero aver diritto ad un cospicuo risarcimento, quindi li invita a contattarlo in futuro per saperne di più; più tardi, ad un incontro di lavoro fra lo studio legale dove ora lavora Jimmy, Davis & Main, e lo studio legale di suo fratello Chuck e di Howard, HHM, Chuck sottolinea con insistenza la possibilità che Jimmy abbia usato maniere "non legali" per contattare un così grande numero di clienti della Sandpiper, ma Jimmy riesce a difendersi da queste accuse.

Ancora una volta, rimasti in privato, Kim ricorda a Jimmy che ora lavora per un importante studio legale e che non può più permettersi queste azioni al limite dell'illegale, ma deve attenersi sempre al protocollo; frustrato dal non riuscire a contattare tanti clienti quanti ne vorrebbe, Jimmy filma un avviso pubblicitario per poi mandarlo in onda, dopo averlo fatto vedere solo a Kim, senza chiedere prima il permesso o almeno una supervisione da parte dei suoi datori di lavoro; questo avviso pubblicitario entro breve viene visto anche dal capo di Jimmy, Main, che nonostante l'enorme successo pubblicitario di quel filmato, recepisce il gesto di Jimmy come un sopruso alla sua autorità.
Mike viene contattato da Stacey, la quale è diventata quasi paranoica, riferisce di strani rumori simili a spari ormai sempre più frequenti, specialmente la notte. Mike si apposta, ad insaputa di Stacey, vicino casa sua per osservare la situazione ma non trova nulla di sospetto; comunque, vista l'insistenza di Stacey, Mike le promette che farà di tutto per tirarla fuori da quel quartiere "pericoloso". Poco dopo Mike viene contattato da Nacho, il quale vuole aiuto per una certa faccenda.

Senza guanti.
    Titolo originale: Gloves Off
    Diretto da: Adam Bernstein
    Scritto da: Gordon Smith

Trama.   
La trovata dell'avviso pubblicitario costa caro sia a Jimmy che a Kim: il primo riceve una sorta di ultimatum dal suo studio legale, dato che da una parte i soci riconoscono il valore di Jimmy come avvocato, quindi non lo licenziano, ma al tempo stesso sono infuriati per il gesto che Jimmy ha fatto alle loro spalle; Kim invece viene "punita" da Howard e Chuck per non aver riferito loro dello spot girato da Jimmy, impedendo quindi alla HHM di prendere le dovute misure, pertanto Kim viene "declassata" da uno degli avvocati di spicco dello studio legale ad una sorta di segretaria; quando Jimmy lo scopre, si reca furioso dal fratello Chuck giurandogli che se lascerà tornare Kim al posto che le spetta, lui abbandonerà per sempre l'avvocatura; Chuck però rifiuta la proposta.

Il "misterioso affare" che Nacho pone all'attenzione di Mike è l'omicidio di Tuco: Nacho ha infatti paura che Tuco possa scoprire i suoi scambi segreti di droghe fatti fino a pochi giorni prima, perciò chiede a Mike di risolvere il "problema Tuco"; Mike però ha un'altra idea: non ucciderà Tuco, perché ciò attirerebbe troppe attenzioni da parte del Cartello, però farà in modo che vada in galera a lungo: Mike chiama preventivamente la polizia e poi con uno stratagemma fa infuriare Tuco finché questi lo pesta quasi a morte, colto naturalmente in flagrante (oltre che in possesso di un'arma) dalla polizia appena sopraggiunta per la precedente chiamata fatta da Mike. Successivamente Nacho si reca da un Mike gravemente ferito chiedendogli perché tanto disturbo e tanta sofferenza, invece di portare a termine il compito con una semplice pallottola; Mike non gli risponde.

Rebecca.
    Titolo originale: Rebecca
    Diretto da: John Shiban
    Scritto da: Ann Cherkis

In un flashback, vediamo come la capacità di Jimmy di usare il proprio carisma per affascinare gli altri, in questo caso Rebecca, la moglie di Chuck, faccia fortemente infuriare quest'ultimo. Il rapporto di Jimmy nello studio legale diventa sempre più precario, addirittura gli affiancano un'aiutante, Erin, affinché Jimmy possa ambientarsi meglio, anche se egli sospetta che il vero ruolo di Erin sia tenerlo sotto controllo per conto dello studio legale. Kim tenta di farsi perdonare per la storia dello spot, procurando un importante cliente alla HHM, ma Howard non è per nulla impressionato e non la reintegra nel suo ruolo più pertinente; Kim si incontra quindi con Chuck, che le promette di prendere le sue difese quando parlerà con Howard, tutto ciò dopo averle raccontato una storia sul passato di Jimmy, ossia l'episodio in cui Jimmy sottrasse dei soldi dall'attività commerciale (già piuttosto precaria) del proprio padre causandone in breve tempo la chiusura.
Mike viene avvicinato da "Tio" Hector Salamanca, il quale gli propone di prendersi lui la responsabilità della proprietà della pistola, cosicché la giustizia sia più clemente con suo nipote Tuco; in cambio Hector offre a Mike cinque mila dollari.

Bali Ha'
    Titolo originale: Bali Ha'i
    Diretto da: Michael Slovis
    Scritto da: Gennifer Hutchison   

Trama.
Jimmy non riesce in alcun modo ad ambientarsi nel suo nuovo studio legale ed ormai il pensiero di abbandonarlo si fa sempre più pressante. Nel frattempo Kim viene reintegrata nel suo ruolo, ma i rapporti con Howard continuano ad essere freddi e distaccati, con Howard che le affibia di continuo incarichi frustranti ed inutili; in breve tempo Kim viene contattata da un altro prestigioso studio legale, Schweikart & Cokely, che le offre un ruolo ed una paga decisamente più prestigiosi se accetterà di venire a lavorare da loro; dati i rapporti tesi ed ormai invivibili alla HHM, Kim è tentata di accettare e ne parla con Jimmy, il quale però ha paura che Kim perda gran parte della propria carriera lasciando la HHM, quindi le mente riferendo di essere contento allo studio legale dove ora lavora, in modo da persuadere anche Kim a rimanere col suo attuale studio legale.

Mike rifiuta l'offerta di Hector Salamanca, ma ben presto si capisce come non fosse un'offerta ma una "comunicazione", tant'è che gli scagnozzi di Hector, compresi i cugini Leonel e Marco Salamanca, si presentano nelle più svariate occasioni per mettere paura in modo più o meno esplicito a Mike ed alla sua famiglia; alla fine Mike è costretto ad accettare, solo dopo però aver fatto salire il proprio prezzo a cinquanta mila dollari; somma che poi dividerà a metà con Nacho, dato che non è riuscito a portare a compimento l'incarico assegnatogli inizialmente.

Gonfiabile.
    Titolo originale: Inflatable
    Diretto da: Colin Bucksey
    Scritto da: Gordon Smith

Inchiodato.
    Titolo originale: "Nailed"
    Diretto da: Peter Gould
    Scritto da: Peter Gould

Trama.
Mike mette a segno un colpo nei confronti del cartello Salamanca, rapinando 250.000 dollari a un loro autotrasportatore, come vendetta nei confronti del capoclan Hector: Nacho lo scopre e lo allerta che così facendo sta mettendo nei guai entrambi sia con Hector che con la giustizia, e mette in chiaro di non volerne esserne coinvolto. Nel frattempo Jimmy ha contraffatto la documentazione per l'udienza della Mesa Verde, cambiando l'indirizzo della banca sulle carte, e all'indomani durante l'udienza Chuck si vede così sabotata la causa per quello che la magistratura scambia per un comune errore: la riconsegna della documentazione corretta comporterebbe una posticipazione di 6 settimane della causa, tempo che la banca ai ferri corti non ha. E che decide così di riaffidare tutto nuovamente a Kim Wexler. Jimmy sostituisce tutti i documenti con quelli corretti, facendo passare il tutto per una distrazione di Chuck, ma quest'ultimo intuisce benissimo che è stato tutto un piano specificatamente organizzato dal fratello per far sì che egli perdesse la possibilità di avere in mano la causa: tuttavia Chuck non si da per vinto e vuole andare fino in fondo alla faccenda: senza alcun successo, di fronte a Kim e Jimmy, cerca il sostegno della prima, ma ella, invece, bolla le sue confutazioni come congetture, non avendo prove concrete a suo favore.

In realtà la ragazza è pienamente cosciente della colpevolezza di Jimmy, ma preferisce difenderlo, forse per amore o per eccesso di zelo. Fatto sta che la stessa Kim, qualche ora dopo, lo avverte che deve far attenzione alla scaltrezza di Chuck: perciò, preso dal sospetto che possa scoprire tutto, Jimmy si precipita alla copisteria dove ha svolto il lavoro e ivi scorge Ernesto, l'assistente del fratello, mentre interroga commesso del negozio, Lance, chiedendogli informazioni su Jimmy. Questi entra nel negozio e lo corrompe per non testimoniargli contro, dopodiché esce e si nasconde per assistere. Subito dopo arriva Chuck, che entra e si rivolge subito a Lance, e insiste affinché questo gli dica verità: il commesso mantiene fermo il punto e gli intima di andarsene, sostenendo di non aver mai visto Jimmy. Ma l'avvocato è convinto che questo gli stia nascondendo la verità, e mentre cerca ripetutamente di avere una risposta, viene colpito da un malore: svenendo, batte la testa contro un banco, causandosi una commozione celebrale. Jimmy, nascosto, nel frattempo assiste a tutta la scena, ed è combattuto se intervenire ma essere scoperto per sempre, o restarsene a guardare ma soffrire impotente nel non poterlo soccorrere.

Finale: Klick.
    Titolo originale: "Klick"
    Diretto da:
    Scritto da:

Trama.
L'episodio comincia con il classico flashback, tipico della produzione, in cui assistiamo alle ultime ore della madre di Jimmy in ospedale; Jimmy e il fratello Chuck sono accanto al letto della madre in attesa di una possibile ripresa momentanea (la paziente è terminale). Jimmy, preoccupato per il fratello, chiede a Chuck se voglia mangiare qualcosa e, dopo una piccola discussione, si allontana per comprare qualcosa da mangiare ad entrambi. Nel momento in cui Jimmy si allontana la madre si sveglia momentaneamente, Chuck prova a chiamarla ma la donna confonde l'uomo per il fratello minore prima di abbandonarsi al sonno eterno. Jimmy al ritorno all'ospedale trova la stanza vuota e Chuck in sala d'aspetto che annuncia al fratello minore la scomparsa della madre omettendo, però, le ultime parole della madre rivolte proprio a Jimmy. Dopo la sigla d'apertura ci ritroviamo esattamente dal punto in cui è terminata l'ultima puntata: Jimmy è fuori dalla copisteria indeciso se intervenire o meno ma, preso dal suo buon cuore, giunge in soccorso al fratello gestendo la situazione d'emergenza e dando ordini ai presenti. In ospedale Jimmy si ritrova a dover prendere nuovamente la drastica decisione di un ricovero forzato per Chuck ma stavolta, rispetto alla scorsa volta, cede dando la possibilità ai medici di effettuare vari controlli prima di rimandarlo a casa. Jimmy viene ingannato dal fratello Charles.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb22

Under Suspicion è un film del 2000 diretto da Stephen Hopkins, tratto da un romanzo di John Wainwright già portato sul grande schermo nel 1...

Under Suspicion è un film del 2000 diretto da Stephen Hopkins, tratto da un romanzo di John Wainwright già portato sul grande schermo nel 1981 da Claude Miller nel film francese Guardato a vista (Garde à vue).

Fu presentato in concorso al 53º Festival di Cannes.

Remake di Guardato a vista di Claude Miller, film francese del 1981, con Lino Ventura, Michel Serrault e Romy Schneider. Nel remake l'azione si sposta dalla Normandia ai tropici, nell'isola di San Juan a Portorico.

Nel film del 1981 non si festeggiava il carnevale bensì il capodanno, e Hearst era un notaio.

Under_Suspicion

Trama.

Henry, maturo avvocato di grande successo, ha trovato giorni prima in un parco il cadavere di Sue Ellen, una ragazzina di 13 anni. In quegli stessi giorni, un'altra dodicenne, Pauline, è stata rinvenuta morta in una discarica.

Una sera, mentre si sta recando ad una cena dove dovrà tenere un discorso, Henry riceve l'invito a presentarsi al commissariato. Qui c'è Victor, il poliziotto incaricato delle indagini, suo amico di vecchia data.

Henry pensa ad un colloquio rapido, ma Victor non ha alcuna intenzione di lasciarlo andare: crede di aver trovato il movente dei delitti e comincia ad incalzare l'avvocato con domande sempre più circostanziate.

Alcune riguardano il suo rapporto con Chantal, la bellissima moglie molto più giovane, che intanto lo aspetta alla cena. Messo alle strette, Henry confessa che lui e la moglie vivono e dormono ormai da tempo separati, che lui frequenta donne di strada di basso livello e subisce il fascino delle giovani. Insospettita dal ritardo, Chantal arriva al commissariato e Victor la interroga sui rapporti tra Henry e la sorella di lei, che ha una figlia adolescente. Henry continua a proclamarsi innocente, cosicché Victor predispone una perquisizione nella sua casa.

La visita sembra senza esito, ma Chantal fa trovare ai poliziotti numerose foto di bambine e giovani ragazze scattate dal marito. Allora Henry rinuncia a difendersi e ammette di essere il colpevole degli omicidi. Quando sta raccontando i fatti, arriva un agente e dice che il serial killer è stato preso: si tratta di uno squilibrato ben conosciuto.

Henry è innocente, Victor lo lascia andare. Ma fuori si lanciano sguardi pieni di dubbi e interrogativi.

Interpreti e personaggi.

    Gene Hackman: Henry Hearst
    Morgan Freeman: Victor Benezet
    Thomas Jane: Detective Felix Owens
    Monica Bellucci: Chantal Hearst
    Nydia Caro: Isabella
    Miguel Ángel Suárez: Sovraintendente

Doppiatori italiani.

    Oreste Rizzini: Harry Hearst
    Renato Mori: Victor Benezet
    Francesco Prando: Detective Felix Owens
    Monica Bellucci: Chantal Hearst

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

rss-icon-feed-1_thumb2

The Contract è un film thriller del 2006 diretto da Bruce Beresford con Morgan Freeman e John Cusack. Una semplice e gradevole storia d...

The Contract è un film thriller del 2006 diretto da Bruce Beresford con Morgan Freeman e John Cusack.

Una semplice e gradevole storia di inseguimento in cui un uomo comune viene a contatto con un garbato criminale.
Sceneggiatura piuttosto povera, discrete le ambientazioni, bravi come sempre Freeman e Cusack che avrebbero senz'altro meritato uno script migliore, più profondo ed articolato.

Comunque il film non è mai noioso e si lascia guardare piacevolmente.

La trama c'è (esile ma c'è)... i personaggi invece non ci sono. Un film sviluppato e profondo quasi a livello di soap opera.

Regista e produttori si saran detti: lo giriamo con un buon livello "alla americana", lo vendiamo, e guadagnamo a sufficienza...

Questo è "Contract"; un prodotto che è di buon livello tecnico, ma il livello di passione che gli stato dedicato per produrlo è scarso e di una banalità agghiacciante.
the contract
Trama.
In una cittadina dello stato di Washington, Frank Carden è un ex assassino che lavorava per il governo. Adesso lavora a pagamento, "in proprio" e viene ingaggiato per uccidere un miliardario solitario di nome Lydell Hammond Sr., un oppositore di cellule di ricerca ma nel tentativo di ucciderlo, Carden rimane coinvolto in un incidente stradale e portato in ospedale dove viene arrestato dopo che i poliziotti notano che ha una pistola venendo a conoscenza della sua falsa identità.

La banda di Frank però cerca di aiutarlo e blocca la strada con un camion fermando la macchina dell'FBI in cui si trova Frank uccidendo dei poliziotti mentre Frank finisce con l'auto su un fiume; approdato sulla riva del fiume, Carden si imbatte in Ray Keene, un istruttore scolastico di basket e baseball, ex poliziotto vedovo, con il figlio adolescente Chris, intenti a fare un'escursione in montagna dato che il ragazzo è stato sospeso per tre giorni per essere stato sorpreso a fumare marijuana con gli amici. Avendo sentito un poliziotto dell'FBI, prima di morire di consegnare Frank alla polizia, Ray decide di scortare Frank minacciandolo con la pistola di scorta dell'agente e nel loro viaggio si unisce anche una coppia, Sandra e Lochlan. Intanto gli uomini di Carden, intenzionati a recuperare Frank, uccidono due poliziotti per impossessarsi di un elicottero e uccidono Lochlan mentre Ray distrugge l'elicottero lasciando gli uomini illesi.

Ray, Chris, Sandra e Frank si riposano in una casetta in montagna ma nella notte arrivano i scagnozzi di Frank; Sandra ne uccide uno con una pistola mentre Ray ne uccide un altro prendendolo a pugni ma in quel momento Frank fugge prendendo in ostaggio Chris mentre Sandra e Ray vengono salvati dalla polizia locale. Tramite un notiziario televisivo, Ray scopre il vero obiettivo di Frank e si reca ai funerali di Hammond Jr. per affrontarlo ma involontariamente lo salva da un tentato omicidio commesso da una recente recluta di Frank, Davis, che viene uccisa da Carden stesso con un fucile mentre l'obiettivo di uccidere Hammond fallisce ma dà a Ray le chiavi della stanza dove è rinchiuso Chris permettendo così a padre e figlio di riunirsi mentre Carden scompare ma intercetta una donna, Miles, raccontandole di sapere che era stata lei a mandare Davis ad ucciderlo.

Due settimane dopo, Ray si innamora di Sandra e insieme a lei e al figlio fanno un barbecue in montagna con altri cittadini ma sente da una notizia radiofonica che Hammond Sr. è morto in un incidente in barca realizzando che così Carden ha completato la sua missione ("Il contratto").

Interpreti e personaggi.
    Morgan Freeman: Frank Carden
    John Cusack: Ray Keene
    Jamie Anderson: Chris
    Alice Krige: Miles
    Megan Dodds: Sandra
    Corey Johnson: Davis
    Jonathan Hyde: Turner
    Bill Smitrovich: Wainwright
    Anthony Warren: Royko
    Ned Bellamy: Evans
    Thomas Lockyer: Johns
    Ian Shaw: Michaels

Doppiatori italiani.
    Vittorio Di Prima: Frank Carden
    Francesco Prando: Ray Keene
    Alessio De Filippis: Chris
    Roberta Greganti: Miles
    Massimo Bitossi: Davis
    Rodolfo Bianchi: Turner
    Roberto Draghetti: Royko
    Carlo Scipioni: Michaels
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street (Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street) è un film del 2007 diretto da Tim Bur...

Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street (Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street) è un film del 2007 diretto da Tim Burton. Costituisce l'adattamento cinematografico dell'omonimo musical di Stephen Sondheim e Hugh Wheeler, a sua volta adattamento del dramma teatrale omonimo di George Dibdin Pitt del 1842; a loro volta tutte le suddette opere prendono spunto da Sweeney Todd, assassino seriale verosimilmente esistito.

Nel film recitano Johnny Depp, alla sua sesta collaborazione con il regista, nel ruolo di Sweeney Todd, Helena Bonham Carter nel ruolo di Mrs. Lovett, alla sua quinta collaborazione con Burton, Alan Rickman, nel ruolo del Giudice Turpin, e Timothy Spall, nel ruolo del Messo Bamford.

La pellicola è stata distribuita negli Stati Uniti il 21 dicembre 2007, nel Regno Unito il 25 gennaio 2008 con entusiastiche recensioni e in Italia il 22 febbraio 2008.

Il film ha vinto il premio come miglior film (commedia o musical) e come miglior attore (commedia o musical) alla 65-esima edizione dei Golden Globe. È stato inoltre candidato all'Oscar come miglior attore protagonista e migliori costumi, vincendo la statuetta come migliore scenografia all'80-esima edizione degli Academy Awards.
sweeney-todd
Trama:
Il barbiere Benjamin Barker viene ingiustamente arrestato, condannato e obbligato ad una vita di duro lavoro in Australia dal Giudice Turpin, il quale brama la bella e virtuosa moglie di Barker, Lucy.

Ritornato dopo 15 anni, dopo essere fuggito dalla colonia penale, Barker adotta il nome di Sweeney Todd e dice addio al suo amico, il giovane marinaio Anthony Hope, che l'ha salvato quando era alla deriva. Ritorna allora al suo vecchio appartamento in Fleet Street sopra il negozio di pasticci di carne di Mrs. Lovett. In seguito alla scoperta della vera identità dell'uomo, la donna gli racconta che dopo il suo arresto, Turpin violentò sua moglie e che la donna a causa dell'umiliazione subita decise di avvelenarsi, e che così Turpin rapì sua figlia Johanna diventandone il tutore. Apprese queste notizie, Todd matura il suo desiderio di vendetta e come inizio del piano decide di riaprire il suo vecchio negozio di barbiere al piano di sopra.

Anthony intanto vaga per le vie di Londra, e vede alla finestra Johanna: immediatamente si innamora di lei. Questa sua attrazione causa uno scontro con Turpin e il Messo Bamford (Timothy Spall), il quale picchia Anthony e lo minaccia di ricevere più violenza se dovesse far ritorno.

Nel frattempo, nella piazza del mercato, Todd denuncia una frode pubblicitaria del "barbiere di strada" italiano Adolfo Pirelli e del suo giovane assistente Tobias "Toby" Ragg, sostenendo che l'elisir da loro venduto è solo «un intruglio di piscio e inchiostro». Todd sfida Pirelli, il quale si sente mortalmente offeso dall'insulto ricevuto, a verificare la sua finezza nella rasatura nel minor tempo. Viene allora chiamato Bamford come testimone della sfida e della vittoria tra i due rivali. Bamford si congratula con Todd per la sua vittoria e quest'ultimo coglie l'opportunità per invitare Bamford al suo negozio per una rasatura gratuita. Quando Mrs. Lovett e Todd ritornano a Fleet Street vedono arrivare Pirelli, che dopo aver svelato di essere il vecchio assistente di Barker, Davey Collins, tenta di ricattare Todd chiedendogli la metà dei suoi guadagni e dichiarando la sua vera identità per poi essere colpito ripetutamente con una teiera bollente e rinchiuso in un baule; vedendo che Pirelli non è morto, Sweeney lo sgozza brutalmente. Mrs. Lovett prende Toby, ignaro dell'assassinio del suo padrone, sotto le sue cure e lo assume nel suo negozio. Todd accetta riluttante.

Il giudice Turpin esprime il desiderio di sposare Johanna ma rimane deluso dal suo rifiuto. Bamford incoraggia Turpin a far visita al signor Todd per una rasatura che migliorerebbe il suo aspetto. Todd concretizza che questa è l'occasione perfetta per uccidere Turpin e vendicarsi. Durante la rasatura del giudice, Anthony irrompe all'interno del negozio rivelando accidentalmente a Turpin il piano di Johanna di scappare via con lui. Infuriato, Turpin se ne va dicendo che non metterà più piede nel negozio di Todd fin quando egli frequenterà gente come Hope. Tornato a casa rinchiude Johanna in un manicomio fino a quando ella non accetterà di sposarlo. Furioso per non essere riuscito a concludere la sua vendetta, Todd scarica la sua frustrazione sui suoi clienti innocenti che, sotto suggerimento di Mrs. Lovett, possono diventare dei deliziosi pasticci nel suo forno. Todd entusiasta accetta il suo suggerimento installando un macchinario nella sua sedia così da scaricare i corpi delle vittime attraverso una botola fino alla stanza del forno di Mrs. Lovett. Sia il negozio di barbiere di Todd sia il negozio di pasticci di Mrs. Lovett ricevono molti incassi, e in questa occasione ella esprime il desiderio di sposare Todd, esattamente un momento prima dell'arrivo di Anthony il quale afferma di aver trovato Johanna. Udendolo, Todd gli consiglia di travestirsi da apprendista parrucchiere e di portare via Johanna dal manicomio. Todd scrive allora una lettera informando Turpin del piano di Anthony per portare via Johanna così da attirare il giudice e invia Toby a consegnarla nelle mani del giudice stesso.

Tobias ritorna ed esprime la sua diffidenza nei confronti di Todd a Mrs. Lovett, la quale, spaventata dall'idea che il ragazzo corra a raccontare i suoi sospetti alla polizia, lo consola e lo attrae dentro la stanza del forno chiudendolo all'interno. Mentre Lovett avverte Todd a proposito dei sospetti di Toby essi vengono sorpresi da Bamford, inviato per investigare sugli "strani odori" provenienti dal camino del negozio. Mentre Todd attira Bamford all'interno del suo negozio, Toby (nella stanza da forno) trova il dito di un piede umano all'interno di un pasticcio. Scopre così una pila di cadaveri umani proprio nell'istante in cui il corpo dell'usciere cade giù dallo scivolo. Toby fugge attraverso le fogne, nascondendosi da Todd e Mrs. Lovett.

Intanto Anthony e Johanna ritornano nel negozio di Todd dove il ragazzo le dice di aspettarlo. Indossando vestiti maschili Johanna dà un'occhiata al negozio dove trova un'immagine non realizzando che raffigura lei in braccio a sua mamma. Nel momento in cui una donna mendicante entra nella stanza cercando Bamford Johanna si nasconde velocemente in una cassa in un angolo della stanza. Poco dopo, Todd rientra nel negozio e rimane sorpreso nel vedere che la mendicante sembra conoscerlo. Sentendo che Turpin sta per entrare, il barbiere in uno stato di panico taglia la gola alla mendicante e lascia cadere il suo corpo giù per lo scivolo. Turpin irrompe nel negozio pochi secondi dopo e accetta l'offerta di farsi radere la barba. Muovendo i suoi affilati rasoi sopra Turpin Todd rivela la sua identità al giudice e procede assassinandolo brutalmente, pugnalandolo sul collo ripetutamente prima di tagliargli la gola con un singolo movimento.

Todd trova Johanna nascosta nel baule e, non riconoscendola, si prepara ad ucciderla. Scambiandola per un uomo gli offre una rasatura ma viene interrotto dagli urli di Mrs. Lovett. Egli lascia sua figlia con l'avvertimento di dimenticare il suo viso e si dirige verso la stanza da forno. Mrs. Lovett aveva gridato perché il giudice, con le ultime forze rimaste, le aveva afferrato la gonna ma, una volta morto, riconoscendo il corpo della mendicante come quello di Lucy Barker, Mrs. Lovett cerca di liberarsi del cadavere. Ma aprendo la porta del forno la luce illumina il viso della donna e Todd la riconosce come sua moglie, che credeva morta. Lovett rivela allora che Lucy sopravvisse al tentativo di suicidio ma che il veleno la fece diventare matta. Mrs. Lovett cerca di convincere Todd che lei ha mentito per il suo amore nei suoi confronti dicendo che stava "solo pensando a lui". Todd la calma e, incredibilmente, ma con lo sguardo pieno di cieco furore, inizia a danzare con lei dicendole che la ama e che la "vita è per i vivi" e che "bisogna solo viverla". Improvvisamente egli la getta attraverso la porta aperta del forno. Mrs. Lovett urla mentre Todd chiude la porta e rimane abbagliato guardandola bruciare attraverso la grata. 

Il barbiere ritorna allora da Lucy raccogliendo il suo corpo con il cuore a pezzi per averla persa un'altra volta e per la consapevolezza di essere lui il responsabile della sua morte. Toby, da dietro, riemerge dalle fognature e raccoglie da terra uno dei rasoi di Todd, tagliandogli così la gola e allontandosi dalla macabra scena.
Sweeney_Todd_039
Interpreti e personaggi.
    Johnny Depp: Benjamin Barker/Sweeney Todd
    Helena Bonham Carter: Mrs. Nellie Lovett
    Alan Rickman: Giudice Turpin
    Timothy Spall: Messo Bamford
    Sacha Baron Cohen: Sig. Adolfo Pirelli
    Laura Michelle Kelly: Lucy Barker
    Jamie Campbell Bower: Anthony Hope
    Jayne Wisener: Johanna Barker
    Ed Sanders: Tobias Ragg
    Philip Philmar: Jonas Fogg

Doppiatori italiani.
    Fabio Boccanera: Benjamin Barker/Sweeney Todd
    Claudia Razzi: Mrs. Nellie Lovett
    Michele Gammino: Giudice Turpin
    Stefano De Sando: Messo Bamford
    Oreste Baldini: Sig. Adolfo Pirelli
    Laura Boccanera: Lucy Barker
    Davide Perino: Anthony Hope
    Letizia Ciampa: Johanna Barker
    Manuel Meli: Tobias Ragg
    Luca Dal Fabbro: Jonas Fogg
Sweeney_Todd_1

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

La prima stagione della serie televisiva Better Call Saul, composta da 10 episodi, è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d&#...

La prima stagione della serie televisiva Better Call Saul, composta da 10 episodi, è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d'America da AMC dall'8 febbraio al 6 aprile 2015.

In Italia la stagione è stata interamente pubblicata sul servizio on demand Netflix il 6 gennaio 2016.
Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA
1 Uno Uno 8 febbraio 2015
2 Mijo Mijo 9 febbraio 2015
3 Nacho Nacho 16 febbraio 2015
4 Hero Eroe 23 febbraio 2015
5 Alpine Shepherd Boy Il pastorello delle Alpi 2 marzo 2015
6 Five-O Poliziotti 9 marzo 2015
7 Bingo Bingo 16 marzo 2015
8 RICO RICO 23 marzo 2015
9 Pimento Pimento 30 marzo 2015
10 Marco Marco 6 aprile 2015
better-call-saul-1
Uno.
    Titolo originale: Uno
    Diretto da: Vince Gilligan
    Scritto da: Vince Gilligan e Peter Gould

Trama.
Saul Goodman, tempo dopo i fatti narrati in Breaking Bad, vive sotto falsa identità in Nebraska, lavorando in una panetteria con la paura costante di essere riconosciuto. La sera, tornato a casa, ricorda nostalgicamente di quando era un avvocato di successo.

2002, Albuquerque. Saul si guadagna da vivere facendo l'avvocato alle prime armi con il suo vero nome: James McGill. Lo si vede, infatti, con buone idee di marketing e coinvolgimento della giuria, ma non ancora con un senso del lavoro totalmente sviluppato. Lavora spesso in tribunale come avvocato d'ufficio, ma sogna di essere un vero avvocato con casi più importanti, veri clienti e una paga sostanziosa. La possibilità di rappresentare un vero cliente la trova nel caso di peculato che coinvolge i Kettleman: il tesoriere della Contea e sua moglie. I tre si incontrano in una caffetteria, qui McGill cerca di convincere l'uomo dell'importanza di una rappresentanza legale, tuttavia al momento della firma del mandato la moglie convince il marito a prendersi un po' di tempo per decidere. Di ritorno al suo ufficio, uno stanzino all'interno di un centro estetico, l'avvocato si imbatte in un tentativo di truffa perpretata ai suoi danni da due skater: i due nel tentativo di estorcergli denaro simulano un incidente con la sua macchina. McGill si accorge subito della truffa e li fa scappare via, chiedendo lui i danni.

Finalmente arrivato in "ufficio", apre la posta e straccia un assegno di 26.000 dollari intestatogli dall'importante studio legale fondato, tra gli altri, da suo fratello Chuck. Quest'ultimo vive da solo, senza elettricità né cellulare, preda della paranoia per i campi elettromagnetici, e rifiuta i consigli di James di lasciare per sempre lo studio legale, prendendo la propria consistente parte di patrimonio, perché così facendo metterebbe a rischio l'esistenza stessa dello studio e tutti i suoi casi e rassicura il fratello che tornerà al lavoro e che è in via di guarigione. Frustrato dal rifiuto di Chuck e dall'aver visto i Kettleman parlare con uno degli avvocati del grosso studio legale, rintraccia i due skater truffaldini e propone loro di fare lo stesso numero con la signora Kettleman: lui "passerà per caso" da lì, aiuterà la moglie del tesoriere, ottenendo così la rappresentanza legale dei Kettleman. Tutto viene messo in atto non andando però a buon fine dato che i due incappano in un'auto molto simile a quella della donna, che però commette un'omissione di soccorso rimettendo subito la vettura in moto per poi ripartire. Avvisati telefonicamente da James del reato commesso dall'automobilista, i due inseguono la vettura fino ad arrivare davanti alla casa dove viene parcheggiata. La guidatrice è un'anziana donna messicana, che alla richiesta di denaro per il doppio "danno" commesso conduce i ragazzi in casa sua senza esitare. Poco dopo giunge davanti alla villetta anche James, che bussa alla porta presentandosi come un sostenitore della legge avendo in mente di fingersi come avvocato dei due per salvare il piano andato a rotoli, ma viene trascinato in casa sotto la minaccia di una pistola, da chi si rivelerà essere Tuco Salamanca.

Mijo.
    Titolo originale: Mijo
    Diretto da: Michelle MacLaren
    Scritto da: Peter Gould

Trama.
I due truffatori ingaggiati da McGill per fregare la Kettleman vengono portati nella casa dell'anziana, che si rivela essere l'amorevole nonna di Tuco Salamanca, chiamato affettuosamente da lei Mijo (unione di "mi hijo" , ovvero figlio mio). Quest'ultimo, capendo le cattive intenzioni dei due e offendendosi per un insulto rivolto nei confronti della sua "abuelita", si appresta a mandare la nonna in camera per poi stordire i due con una stampella. Poco dopo giunge sull'uscio della porta James, che con una pistola puntata alla testa viene trascinato all'interno della casa da Tuco. L'uomo viene condotto nel garage dove i due compari sono stati legati e rinchiusi, e qui uno dei due confessa il fatto che fosse stato James a pianificare la truffa. A questo punto Tuco, insieme ad alcuni suoi uomini, porta i tre nel deserto dove è intenzionato a farli confessare e, forse, a sbarazzarsene. L'avvocato spiega il malinteso dello scambio dell'auto, così il criminale, convinto anche da Nacho, uno dei suoi uomini, decide di lasciare andare lui ma di punire i ragazzi a causa del pesante insulto rivolto verso la nonna. James tira allora fuori le sue abili arti da avvocato persuasivo e convincente, trovandosi grottescamente a trattare per la vita dei due malcapitati compari. Si scende poi ad un compromesso: Tuco spezzerà le gambe ai ragazzi, una a testa.

A malincuore James è costretto ad osservare la brutalità di ciò che ai due viene inferto, rimanendo traumatizzato e capendo effettivamente che nella contrattazione c'è bisogno talvolta di scendere ad estremi compromessi. Dopo un altro assurdo conflitto con il paranoico fratello Chuck, James decide, date le ristrettezze economiche in cui versa, di ritornare a lavorare nel tribunale locale, facendosi assegnare svariati casi. Poco tempo dopo, riceve nel suo "ufficio" la visita di Nacho, che, ricordandosi di quanto detto da lui sul conto dei Kettlelman e del caso di appropriazione indebita che li coinvolge, vorrebbe un'indicazione dall'uomo per recuperare il denaro, proponendo a James una percentuale sul furto. James rifiuta, dichiarando di non essere un criminale e anzi di voler dimenticare la spiacevolissima esperienza avuta con Tuco. Il messicano, dopo avergli lasciato un numero per contattarlo, lo avverte di come potrà modificare la sua vita iniziando con quell'aiuto, unendosi ad un mondo di cui a detta sua ormai fa parte. L'avvocato, fermo sulla sua decisione di non accettare l'offerta, guarda il criminale uscire.

Nacho.
    Titolo originale: Nacho
    Diretto da: Terry McDonough
    Scritto da: Thomas Schnauz

Trama.
La puntata si apre mostrando McGill in giovane età, durante un dialogo da uomo imprigionato con il fratello Chuck, venuto per aiutarlo in veste di avvocato. Capiamo infatti che, sotto l'influenza del fratello, James ha voluto intraprendere la strada nel mondo della legge per riuscire ad allontanare un mondo fatto di piccole bravate criminali che presto avrebbero potuto portarlo verso la rovina.

Si ritorna poi al tempo analogo alle puntate precedenti. McGill, impaurito per la sorte dei Kettleman dopo le avvisaglie dategli da Nacho, contatta una sua collega/amante, Kim, per chiedergli dettagli sul caso Kettleman e sui soldi da loro sottratti dicendo di avere paura che possano essere in pericolo. Finita la chiamata l'uomo non ha ottenuto informazioni, così si reca ad una base telefonica esterna e contatta i coniugi, falsificandosi la voce per avvertirli del pericolo. I due però non comprendono le parole dette dall'uomo che, prima di attaccare la chiamata, li avverte un'ultima volta di ciò che stanno rischiando, utilizzando questa volta la sua vera voce. Il tesoriere e la moglie, preoccupati per ciò che gli è stato appena comunicato, vengono osservati da Nacho fermo sul suo furgone all'esterno della villetta. Il giorno dopo la casa dei Kettleman viene trovata a soqquadro e priva dei due coniugi e dei figli. Si pensa quindi ad un'effrazione con rapimento. Scoperto ciò, James contatta Nacho, con il numero da lui lasciatogli, da una base telefonica esterna ma trova la segreteria telefonica e lascia ben più di un messaggio al criminale pregando di contattarlo a quel numero. Poco dopo il telefono squilla e l'avvocato risponde immantinente, udendo però solo un attimo di silenzio e la chiamata che viene interrotta. Risale quindi in macchina ma vede due uomini che a piedi gli si avvicinano da ambedue i lati della strada. Immaginando che siano compari di Nacho l'uomo tenta di darsi alla fuga a piedi ma mentre viene inseguito una macchina della polizia gli si para davanti. Cerca di chiedere aiuto al poliziotto ma questo, così come i due inseguitori, gli punta una pistola contro.
 
I due erano infatti detective in borghese. L'uomo viene condotto alla stazione di polizia dove le forze dell'ordine tengono sotto chiave Nacho. Spiegano all'uomo di come egli abbia chiesto di lui come suo avvocato, dopo essere stato arrestato sotto l'accusa di una vicina di casa dei Kettleman che si era segnata la targa del suo furgone (visto fermo per due sere davanti alla villetta del tesoriere) permettendone così la sua intercettazione. Come ulteriore aggravante per il messicano sui sedili della sua vettura sono state trovate tracce di sangue. James si reca dal prigioniero in privato, esprimendogli in modo pacato il fatto che lui, in veste di uomo di legge, possa riuscire a fargli scontare la condanna con solo 18 anni di carcere. Chiede poi se alla famiglia, soprattutto ai bambini (fattore che potrebbe ancora di più alzargli la pena per la condanna), è stato fatto del male. Nacho nega di essere stato lui, ma di aver solo pianificato il piano. Piano che tra l'altro era stato espresso solo davanti a James, che secondo lui l'ha infatti incastrato vendendosi ad un'altra banda e sapendo di averlo come capro espiatorio. Nacho si dimostra essere, in questa situazione, innocente e ribadisce il fatto che il sangue trovato sul furgone è quello dei due skaters. James tenta senza successo di convincere i detective, e la collega Kim, dell'innocenza del giovane recandosi poi con loro nella villetta dei Kettleman. Qui, nella stanza della figlioletta dei due, Jo Jo, nota una serie di foto in cui la bambina stringe a sé una bambola e nello stesso tempo nota la casetta della bambola dove essa però è mancante. Quindi dovrebbe essere la bambina ad avercela, fattore che indica che la famiglia non può essere stata trascinata fuori con la forza. James teorizza che i quattro abbiano inscenato questa storia, fuggendo di casa e allontanandosi per mettersi al sicuro dopo l'avvertimento e allo stesso tempo per ritornare, nel loro caso, dalla parte della ragione facendo parlare di loro come innocenti vittime. L'uomo espone tutto a Kim, che nonostante tutto non può che credergli avendo avuto un'ulteriore prova con la chiamata dell'avvocato fattale la sera prima. Tutto però deve ancora tacere, avendo di mezzo la storia di Nacho che l'uomo rivela essere comunque un pericoloso criminale. Il giorno dopo, mentre l'uomo tenta di entrare nel parcheggio del tribunale, si trova ad avere una delle ennesime litigate con il casellante Mike Erhmantraut (già noto per essere uno dei personaggi principali di Breaking Bad) che si conclude con James che perde la pazienza mettendo le mani addosso al vecchio che però reagisce, dimostrando il suo istinto aggressivo. I detective impegnati al caso sparizione Kettleman decidono di contrattare con Mike per fargli denunciare James per l' "aggressione" fattagli, in modo tale da poter ricattare l'avvocato per far sì che esso faccia confessare a Nacho la sua colpevolezza nel rapimento. James, adirato per il menefreghismo dei due agenti in un così importante caso, gli espone la sua teoria sul finto rapimento venendo questa volta anche udito da Mike che, credendo a ciò che l'uomo dice, decide di non denunciarlo. McGill, felice di aver finalmente trovato qualcuno che gli crede, parla con il vecchio che scopre essere stato un poliziotto, fattore che lo spinge ulteriormente a credere a questa teoria.

Secondo Mike, che ricorda un caso simile che gli capitò, la famiglia può non essersi allontanata da Albuquerque, ma semplicemente essersi rintanata in un luogo li vicino. Si ha così la prima collaborazione tra il futuro Saul e il "suo" uomo Mike. Ascoltando questa ulteriore teoria, James segue il sentiero del deserto che comincia dalla zona adiacente alla villetta dei Kettleman, giungendo a tarda notte nel bosco dove trova una tenda con all'interno la famigliola rintanata. Avvisato il suo superiore legale, James fa "irruzione" nella tenda dichiarando di non voler scendere a compromessi decretando il fatto che il loro imbroglio è stato scoperto e che se non vorranno uscire dal luogo di loro spontanea volontà sarà la polizia a forzarli. Afferrata una delle borse della famiglia l'avvocato intima loro di uscire, ma la donna e l'uomo si rifiutano riafferrandola e cercando di riportarla all'interno della tenda. Dopo una breve diatriba il fondo della borsa va in frantumi, rivelandone il contenuto: i soldi rubati dai due.

Eroe.
    Titolo originale: Hero
    Diretto da: Colin Bucksey
    Scritto da: Gennifer Hutchison

Trama.
In giovane età, probabilmente prima di venire salvato dal fratello in veste di avvocato quando era stato arrestato, Jimmy mette in atto una sua prima piccola collaborazione illegale per fregare un ragazzo appena incontrato per poi denunciarlo per un furto che, con un tranello, lo stesso McGill gli ha fatto commettere utilizzando come vittima un suo amico, Marco, che si è prestato a fargli da complice. Qui, per la prima volta, Jimmy dice all'imbrogliato di chiamarsi Saul Goodman, fattore che dimostra già un tassello precoce del puzzle psicologico e figurativo che poi in un lontano futuro lo porterà ad agire come l'avvocato che conosciamo.

Si ritorna al tempo analogo alle puntate precedenti. Dopo aver scoperto la tenda dei Kettleman, James propone ai coniugi di sostenere la loro causa come avvocato ma i due rifiutano e preferiscono comprare il suo silenzio con una mazzetta del denaro, sbattendogli in faccia il fatto che lui si occupa delle persone colpevoli da difendere, cosa che loro dicono di non essere. Ritornati in città i coniugi, James riuscirà a far scarcerare Nacho, che ha però intuito che sia stato James ad avvertire i Kettleman. James deciderà, utilizzando i soldi con cui è stato corrotto, di farsi pubblicità in proprio. Per prima cosa acquista un cartellone sopra a cui mette la sua foto pubblicizzandosi come avvocato ed utilizzando il font del logo della ditta di cui suo fratello è cofondatore. Per provocare il socio di suo fratello, James posiziona il cartellone nel punto in cui ogni giorno l'uomo passa per recarsi alla ditta. In più, il modo in cui Jimmy è vestito e acconciato lo ricorda molto. L'uomo fa quindi causa a James per il font del logo, di proprietà della ditta, e quindi per il plagio con scopo provocatorio. Viene così ordinata la rimozione del cartellone. Mentre un lavoratore messicano lo rimuove, James paga due ragazzi affinché filmino lì davanti una sua dichiarazione da uomo privato del suo lavoro (che vorrà utilizzare come spot). In quel momento il lavoratore perde l'equilibrio, e rimane appeso alla postazione con l'imbragatura di sicurezza. L'avvocato, senza farsi perdere d'animo, si precipita sulla postazione e lo salva mentre viene acclamato da tutti e ripreso dalla videocamera.

Salvato l'uomo, i due si ringraziano a vicenda. Il lavoratore era infatti stato pagato da James per inscenare l'incidente così da permettere il salvataggio da parte sua in modo tale da rendersi popolare. Ora infatti, McGill viene ritenuto come l'eroe moderno di Albuquerque e le sue richieste come avvocato privato iniziano ad arrivare. Il giorno dopo James si reca a trovare il fratello Chuck, e lo informa delle sue iniziali richieste di lavoro. Chuck si complimenta, ma viene insospettito dall'atteggiamento del fratello che nega anche di aver trovato il giornale di Albuquerque fuori dalla porta come ogni giorno, per evitare che il vecchio scopra la notizia in prima pagina della sua opera eroica che il fratello riconoscerebbe come falsa. Appena James se ne va, Chuck si lancia fuori dalla villetta combattendo, o meglio convivendo, con la sua fobia prendendo il giornale della vicina e lasciandole cinque dollari come pagamento. Rientrato, Chuck ha la conferma del suo sospetto dalla prima pagina. Sconsolato, si accascia sul divano avvolto dalla sua coperta protettiva.

Il pastorello delle Alpi.
    Titolo originale: Alpine Shepherd Boy
    Diretto da: Nicole Kassell
    Scritto da: Bradley Paul

Trama.
La puntata si apre nell'esatto punto in cui l'altra si era conclusa. Chuck è accasciato sul suo divano con la coperta protettiva, quando sente bussare alla porta. È la polizia, che è stata avvertita dalla vicina del furto del giornale e più che altro dell'ambiguo comportamento dell'uomo. Questo, a causa del suo problema, non vuole aprire ai due agenti che pero' si insospettiscono ancora di più dopo aver visto attraverso il vetro della porta sul retro della villetta dei materiali di sopravvivenza al chiuso che fanno alludere a dei prodotti utilizzati per la fabbricazione della metanfetamina. I due fanno così un'irruzione forzata nella villa, lasciando il vecchio attonito ed impaurito.
James sta ottenendo svariate richieste private da parte di molti clienti impressionati dalle sue "gesta eroiche". In una mattina visita un uomo intenzionato ad espandere il suo territorio per tutto il nuovo Messico, un giovane che sogna di brevettare un ambiguo gabinetto parlante ed un'anziana donna che vuole dividere sue piccole proprietà, come il modellino di un alpinista viaggiatore, tra i nipoti. Di ritorno dalla mattinata si ritira nel centro estetico orientale, dove sul retro ha ancora il suo piccolo ufficio, insieme a Kim quando questa viene avvisata dal suo superiore dell'arresto di Chuck, socio della ditta. McGill si precipita subito all'ospedale dove il fratello è ricoverato per lo spavento preso, e si appresta a disconnettere e a spegnere tutti gli apparecchi elettronici presenti nella stanza sotto la disapprovazione dei dottori. Rinvenuto, Chuck spiega alla dottoressa che lo ha in cura della sua "malattia" iniziata da 18 mesi, che a detta sua consiste nei sintomi fisici (dolore muscolare, vista appannata, fischi alle orecchie ecc..) che i campi elettromagnetici prodotti dall'elettricità gli provocano.

Per dare una dimostrazione del vero problema dell'uomo la dottoressa accende di nascosto un apparecchio elettronico posizionato sotto al letto d'ospedale. Non appare nessun sintomo e nessun attacco fisico, e in questo modo si riesce ad avere la conferma di ciò di cui Chuck è affetto: un'ipocondria avanzata. Viene consigliato a James di far ricoverare il fratello, cosa che sarebbe sua intenzione ma si presenta uno dei superiori della ditta che nega l'interesse del socio di Chuck ad accettare una firma per un ricovero psichiatrico in quanto non affetto da alcun disturbo psicologico. James si inalbera seduta stante, capendo che il socio del fratello non ha alcun interesse al ricovero a causa della parte di denaro della ditta intestata a Chuck che in questo modo potrebbe intascarsi. L'uomo riporta il fratello a casa sua, e qui si accorge, trovando il giornale di Albuquerque, che il vecchio ha scoperto la notizia. James intima a Chuck di non preoccuparsi, avendo utilizzato questo escamotage solo per darsi una spinta iniziale. Chuck resta comunque diffidente da ciò. Infatti, nella scena seguente, vediamo che McGill utilizza come sponsor dei budini distribuiti nelle case di riposo, in modo tale da presentarsi agli anziani (persone che ha capito potersi fidare di lui, a causa dell'ingenuità e del bisogno, in modo ancora più calcato) come uomo fidato che può "assicurargli la sicurezza". Qualche sera dopo, James lascia da uomo più felice, diverso e più sicuro il parcheggio porgendo il suo biglietto da visita al casellante Mike.

Negli ultimi minuti della puntata, si passa in modo dettagliato alla vita di questo personaggio (di cui noi, avendolo conosciuto nel suo futuro in "Breaking Bad", possiamo immaginare che tipi di segreti nasconda). Mike lascia il posto di blocco, va a fare colazione e poi si avvia con la vettura verso casa. Qui, una donna passa in automobile e lo osserva con aria impaurita per poi proseguire nel suo tragitto. Mentre nel suo silenzio il vecchio guarda la televisione viene risvegliato dalla sua fase di meditazione da qualcuno che bussa alla porta. L'uomo afferra per precauzione una mazza da baseball e va ad aprire. Alla porta ci sono dei poliziotti. "Sei un po' lontano da casa", dice Mike a quello che sembra essere il capo.

Poliziotti.
    Titolo originale: Five-O
    Diretto da: Adam Bernstein
    Scritto da: Gordon Smith

Trama.
I poliziotti bussanti alla porta sono ex-colleghi di Mike a caccia del responsabile di un duplice omicidio di poliziotti avvenuto a Philadelphia poco prima del trasferimento dell'ormai ex-poliziotto in quel di Albuquerque. Mike in centrale si rifiuta di rilasciare dichiarazioni e richiede un avvocato. Viene convocato McGill, che chiede spiegazioni. Mike tace e gli chiede un favore. James esegue: grazie al suo aiuto Mike sottrae a uno dei detective il taccuino contenente gli appunti sul caso aperto. Rileggendo il taccuino Ehrmantraut ripercorre, in un lungo flashback, gli avvenimenti che hanno portato alla sua fuga da Philadelphia: Mike era un poliziotto corrotto, come tutti gli agenti del suo distretto. Il figlio Matt, sospettato dai suoi colleghi di poter denunciare qualcosa agli Affari Interni, viene assassinato dal suo partner e da un sergente marcio (Hoffman e Fensky).

Il delitto rimane insoluto ma Mike sospetta dei due e ottiene una confessione fingendosi ubriaco e innocuo. A quel punto li uccide a sua volta. Racconta tutto, in un flashback parallelo al primo, alla nuora Stacey, la moglie di Matt (colei che nella puntata precedente si è visto fissare attonita Mike), anch'ella trasferita ad Albuquerque insieme alla figlia, Kaylee, la nipotina già vista e accudita in Breaking Bad. Mike confessa di aver convinto Matt, onesto fino al midollo, ad accettare i soldi dei colleghi corrotti in cambio della propria sicurezza. Matt, sconvolto e disgustato dalla confessione del padre anch'esso corrotto, aveva seguito il suo consiglio, ma senza riuscire a salvarsi. Sua moglie si tormenta da tempo al pensiero di un'accesa telefonata origliata poco prima della morte di Matt: Mike ammette di essere stato all'altro capo della linea, cercando di salvare il figlio dai sospetti dei colleghi corrotti. Finalmente la donna conosce la verità.

Bingo.
    Titolo originale: Bingo
    Diretto da: Larysa Kondracki
    Scritto da: Gennifer Hutchison

Trama.
McGill è impegnato nella sua nuova specializzazione nel campo anziani, e infatti trascorre la maggior parte del suo tempo lavorativo nella casa di riposo principale di Albuquerque dove intrattiene i pazienti con divertenti iniziative sotto suoi sponsor. Passa regolarmente a casa di Chuck, che sta tentando di porre fine alla sua profonda ipocondria. James sta anche per acquistare un grande studio privato ancora in arredamento, e lo mostra ad un'entusiasta Kim. Quest'ultima intanto si trova a dover fare i conti con i capricci dei coniugi Kettlelman a cui viene proposto un accordo per il loro caso: se il tesoriere si costituirà dovrà scontare una reclusione di 16 mesi, mentre se non si scenderà a patti la condanna potrebbe essere anche di trent'anni. Negando di essere colpevoli e di possedere del denaro rubato i due se ne vanno stizziti dalla sede e si dirigono da McGill, per dirgli che accettano l'offerta fattagli tempo prima per difenderli. L'avvocato telefona di nascosto a Kim, facendosi spiegare la situazione. Dopodiché tenta di convincere i Kettlelman a tornare alla sede, ma loro negano dicendo di non volere uscire dal caso con alcun accordo ma semplicemente di essere resi liberi.

James è deciso a rifiutare dichiarando che questa risoluzione sarebbe impossibile, nella loro condizione, da raggiungere. I coniugi ricordano però all'uomo che i soldi che loro hanno rubato dovrebbero essere tutto consegnati alla polizia, mentre tempo prima comprarono il suo silenzio con una mazzetta di essi con cui l'uomo ha iniziato i suoi primi investimenti. Anche lui è coinvolto, e quindi deve accettare. James cerca qualsiasi soluzione possibile per difendere i due, ma non riesce ovviamente a trovare nulla. Elabora così un drastico piano. Invia Mike alla casa dei Kettleman con la mazzetta di denaro rimasta lasciatagli dai due. Il vecchio ci spruzza sopra una sostanza fosforescente e poi posiziona il denaro sulla macchinina telecomandata del figlio dei due. Mr. Kettleman li trova dopo essere uscito a buttare la spazzatura, e dopo averli presi e mostrati alla famiglia rimprovera il figlio (pensando che facciano parte dei soldi rubati) e manda tutti a letto. Quando nella casa la famiglia è tutta immersa nel sonno Mike entra all'interno della villetta e, con una luce fosforescente, trova le impronte digitali lasciate dall'uomo (che inavvertitamente ha assorbito il liquido lasciato sulle sue dita al tocco della mazzetta) trovando così le tracce per raggiungere il nascondiglio dei soldi, dove Kettleman ha ricollocato il denaro trovato. Dopo aver portato il borsone a McGill, l'avvocato ricolloca all'interno il denaro mancante. La mattina dopo si presenta dai Kettlelman e gli dice di aver posto fine al loro ricatto sequestrando il denaro. I coniugi ormai non possono fare altro che accettare l'accordo offertogli da Kim, in modo da salvaguardare il benessere dei figli. Dopo aver risolto questa grana, l'avvocato si reca nel suo nuovo ufficio in arredamento lasciandosi andare ad una violenta reazione causata dalla consapevolezza di dover nuovamente ripartire da zero. Mentre sta per scoppiare a piangere, riceve una telefonata da un nuovo cliente e, dopo essersi ricomposto, risponde: "Pronto, qui è lo studio dell'avvocato James McGill, come posso aiutarla?"

RICO.
    Titolo originale: RICO
    Diretto da: Colin Bucksey
    Scritto da: Gordon Smith

Trama.
L'episodio inizia con un flashback al momento in cui James ottiene l'abilitazione come avvocato dopo aver studiato per corrispondenza in un'università delle Samoa. Tornati al presente James continua nella visita di case di riposo alla ricerca di nuovi clienti e, mentre sta concludendo un testamento con uno di essi, scopre che lo studio legale che gestisce le pensioni degli anziani truffa, facendo la cresta sugli assegni, questi ultimi. Tornato a casa James capisce la gravità del caso e decide di farsi aiutare dal fratello che già in precedenza gli aveva svolto delle pratiche. James, in cerca dei documenti per avviare la causa, torna nella casa di riposo dove però la segretaria, preoccupata per ciò che poteva scoprire, impedisce l'ingresso a McGill che formalizza una accusa alla sede legale che gestisce gli assegni. Intanto un'altra addetta della casa distrugge tutti i documenti contraffatti e li getta in un cassonetto. La sera stessa James decide di rovistare nel cassonetto alla ricerca dei documenti distrutti riuscendoli a trovare. Tornato a casa riesce, con l'aiuto del fratello, a ricomporre i fogli e finalmente entrare in possesso dei documenti contraffatti. A questo punto lo studio legale della casa di riposo si reca a casa di Chuck dove James rifiuta la proposta iniziale di 100.000 dollari per non andare in tribunale.

All'improvviso Chuck ne formula un'altra da 20 milioni di dollari, ponendo un ultimatum ai rappresentanti dello studio, che devono fare buon viso a cattivo gioco e accettare. James rimane sbalordito dalla richiesta di Chuck e dopo che i tre se ne vanno lo rimprovera venendo però ammonito dal fratello che si dimostra sicuro della sua richiesta. Chuck deve recuperare delle pratiche nel bagagliaio dell'auto di James e così esce tranquillamente di casa, prende le chiavi della vettura dalla cassetta della posta (dove andavano collocati tutti gli oggetti elettronici per rispettare la "malattia" di Chuck) e fa ciò che deve fare. James esce di casa e guarda sorpreso il fratello. Quest'ultimo capisce con lo sguardo del fratellino di essere riuscito, in modo inconsulto, a fare ciò che prima non riusciva a fare, e lascia poi cadere a terra lo scatolone.

Pimento.
    Titolo originale: Pimento
    Diretto da: Thomas Schnauz
    Scritto da: Thomas Schnauz

Trama.
La scena riprende nel giardino dell'abitazione di Chuck, dove i due fratelli trovano un momento di relax. Ormai il contributo dato da Chuck a Jimmy diventa sempre più palese nel caso multimilionario contro la casa di cura Sandpiper Crossing, rappresentata dallo studio legale Schweikart & Copling, una vecchia conoscenza del veterano avvocato ancora alle prese con la sua ipocondria, in fase di miglioramento. Dopo aver respinto in tribunale l'azione di decreto restrittivo richiesta dallo studio legale avversario, Jimmy rientra euforico a casa di Chuck, dove i due fratelli conversano su come portare avanti l'azione legale. Jimmy sembra molto convinto di poter affrontare la class action con l'aiuto del fratello Chuck, ma questi gli fa notare che è necessario un aiuto, poiché il lavoro sta assumendo proporzioni incredibili, non gestibile da sole due persone e che potrebbe portare via "un'eternità", anche a seguito delle aggiuntive "scartoffie" recapitate presso l'abitazione di Chuck dallo studio legale avversario. È a questo punto che Chuck suggerisce a Jimmy di avvalersi dell'aiuto dello studio associato HHM per il bene dei loro clienti.

Jimmy non vuole assolutamente collaborare con l'odiato avvocato Howard Hamlin per il caso da lui "creato", ma alla fine si vede costretto ad accettare il consiglio del fratello Chuck. Durante la notte, si assiste ad una misteriosa telefonata con il cellulare di Jimmy fatta da Chuck, costretto ad uscire con la sua "coperta spaziale" fuori in giardino. La scena si sposta su Mike Ehrmantraut, in attesa in un parcheggio di un nuovo contatto per un lavoro, dove altri due uomini sopraggiungono. Uno dei due sembra piuttosto arrogante e strafottente, dato che accusa Mike di negligenza per non aver portato al seguito una pistola per difendere il loro uomo. Con il suo solito piglio, all'arrivo di Pryce, un novello criminale nella vendita di farmaci sottobanco per produrre droga, Mike mette fuori gioco uno dei due uomini, mentre l'altro se la dà a gambe e, quindi, fa suo il lavoro, pretendendo da Pryce tutti i 1500$ previsti per i tre uomini come compenso a fine lavoro. La scena si sposta nuovamente sui due fratelli McGill, che si preparano per far visita allo studio legale HHM. Una volta arrivati, tutto lo staff dello studio accoglie il ritorno di Chuck con un applauso generale. Nella sala conferenze ha luogo l'incontro con tutti gli avvocati dello studio legale per stipulare l'accordo di collaborazione, ma inaspettatamente la situazione decade quando Hamlin, decidendo di prendere in carico il caso potenzialmente vincente e redditizio, comunica a Jimmy McGill che il suo studio vuole avvalersi solo di una consulenza esterna ben remunerata e che non permetterà a Jimmy di lavorare nell'ufficio attiguo a quello di Chuck, già socio dello studio HHM. Questa decisione fa comprensibilmente arrabbiare Jimmy, che lascia lo studio legale piuttosto amareggiato. Mike e Pryce si recano sul luogo dello scambio dove sopraggiunge uno degli uomini di Tuco Salamanca, Nacho. Lo scambio avviene con successo senza complicazioni e Mike spiega al novello Pryce che per fare il criminale è necessario "studiare", oltre al motivo per cui non ha portato con sé una pistola non necessaria. Al rientro presso il suo studio Jimmy riceve la visita di Kim, che gli consiglia caldamente di accettare l'offerta fatta da Howard Hamlin, anche se Jimmy è ancora molto nervoso e non capisce i motivi di questo rifiuto. Dopo la notte, durante la quale Jimmy è rimasto sveglio, la scena è a casa di Chuck, che svegliatosi trova il fratello in soggiorno.

Nel finale di puntata viene mostrata la scena madre di questa prima serie, in cui si assiste al punto di rottura tra i due fratelli. Jimmy, infatti, riesce a ricostruire i fatti tramite la misteriosa telefonata cancellata trovata sul suo cellulare e si rende conto che dietro a tutti i numerosi rifiuti di Hamlin nei suoi confronti, sin dai tempi del praticandato, c'è l'intervento del fratello Chuck, che non ha mai considerato Jimmy un vero avvocato, ma solo un commediante, mostrando come nel tempo non abbia mai accettato che egli, a differenza sua che si è sudato la posizione da avvocato di successo, abbia ottenuto con delle scorciatoie la laurea in legge e voglia prendersi ora tutti i meriti di questo lavoro. Jimmy, mostratosi indignato di fronte a Chuck, abbandona l'appartamento avvisando il fratello che d'ora in poi dovrà cavarsela da solo. La scena si chiude con Chuck che cerca di fermare Jimmy, ma egli, senza degnarlo di uno sguardo, raggiunge la sua auto e parte.

Marco.
    Titolo originale: Marco
    Diretto da: Peter Gould
    Scritto da: Peter Gould

Trama.
L'episodio inizia con un flashback in cui Jimmy dice addio al suo migliore amico e partner Marco perché si trasferisce da Cicero ad Albuquerque con suo fratello Chuck.

La narrazione ritorna al presente e Jimmy si incontra con Howard per accettare l'offerta di cedere il caso alla HHM e per ricevere i $20,000 per la consulenza. Completamente demoralizzato e rendendosi conto di voler lasciare la consulenza per gli anziani, ritorna a Cicero, in Illinois, per rincontrare il suo amico Marco. I due decidono di riniziare le loro truffe come ai vecchi tempi e decidono di mettere in piedi quella del raro pezzo da mezzo dollaro di Kennedy. I due continuano ad attuare truffe fino a quando Jimmy sentendo la segreteria del suo telefono sente il bisogno di ritornare a casa per occuparsi del diritto per gli anziani.

Marco però insiste volendo attuare un ultimo colpo: quello del Rolex d'oro. Alla fine Jimmy cede alle pressioni dell'amico. Durante la truffa, però, Marco viene colpito da un infarto e muore. Durante il suo funerale Jimmy viene a sapere da Kim che lo studio, essendo il caso troppo grande, si è unito ad un altro di nome Davis & Mane e che quest'ultimo gli ha offerto di diventare socio. Così, lasciato alle spalle il suo passato, ritorna ad Albuquerque e si dirige al tribunale. Ne esce subito dopo e chiede a Mike perché hanno ridato indietro i soldi dei Kettleman, decidendo che mai più avrebbe fatto una cosa così stupida. L'episodio finisce con lui che sorridendo e canticchiando la canzone "Smoke on the Water" dei Deep Purple, la stessa canzone che Marco canticchiava prima di morire, si allontana dal tribunale.


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

Random Posts

Archivio

follow us in feedly Segnala Feed WebShake – spettacolo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Aggregatore di blog FeedelissimoItalian Bloggers Blog ItalianiAggregatore