Christian Jacq (Parigi, 28 aprile 1947) è uno scrittore ed egittologo francese. Ha scritto numerosi libri e romanzi sull'antico Egitto...

Christian Jacq (Parigi, 28 aprile 1947) è uno scrittore ed egittologo francese.

Ha scritto numerosi libri e romanzi sull'antico Egitto, tra cui quello più conosciuto è Ramses II, personaggio che Christian Jacq ammira molto.

Nato a Parigi, a 13 anni ha scoperto la passione per l'Antico Egitto leggendo L'histoire de la civilisation de l'Egypte ancienne dello storico Jacques Pirenne, che in qualche modo lo ispirò anche nella stesura del suo primo libro. All'età di 18 anni aveva già scritto 8 libri, ma il suo primo successo commerciale arrivò nel 1987 con Champollion the Egyptian in Francia.

Le sue opere sull'Antico Egitto, non sempre basate su episodi veri, sono firmate col nome dello scrittore oppure con pseudonimi, come J. B. Livingstone e Christopher Carter. Nel 1995, grazie alla saga Ramses composta da 5 libri, ha registrato un trionfo internazionale, dato che la serie è stata pubblicata e tradotta in oltre 25 stati. Ogni libro di questa saga si occupa di un aspetto della vita conosciuta di Ramses II.

Ha affrontato anche altri temi, scrivendo inoltre romanzi gialli e libri per ragazzi.
Christian_Jacq,_au_Salon_du_Livre_de_Paris_2013

Christian Jacq e il boom attuale dell'antico Egitto.

In possesso di un dottorato di studi sull'Antico Egitto da parte della Sorbonne, ha fondato con sua moglie, sposata quando lui aveva 17 anni, l'istituto Ramses che si propone di creare un archivio fotografico dei siti archeologici egiziani.
Leggi anche: Il Romanzo di Ramses è un racconto storico ricco di eventi, di personaggi e di mistero.
Entrato in Massoneria nella Loggia Goethe di Rito scozzese antico ed accettato e appartenente alla Gran Loggia di Francia, dopo esserne divenuto il Maestro venerabile ne ha fatto una loggia "selvaggia", cioè non appartenente ad un'obbedienza o organizzazione riconosciuta, e ne ha cambiato il rito con uno egizio di sua personale invenzione, il che gli è valsa l'accusa di aver fondato una setta, accusa che lo ha spinto nel 1997 a lasciare la regione di Aix-en-Provence in Francia, dove abitava negli anni 1990, per domiciliarsi a Blonay, venendo a questo punto accusato di aver scelto di andare a vivere in Svizzera per ragioni fiscali.

Romanzi.

Serie Le indagini dell'ispettore Higgins.

Originiriamente la serie è stata pubblicata con il titolo Les Dossiers de Scotland Yard (I dossiers di Scotland Yard), firmata con lo pseudonimo di J. B. Livingstone:
Delitto al British Museum (Meurtre au British Museum, 1984) (Dall'Oglio, 1985 - Tea, 1994)
Il segreto di Mac Gordon (Le Secret des Mac Gordon, 1985) (Dall'Oglio, 1985 - Tea, 1993)
Assassinio a Lindenbourne (Crime à Lindenbourne, 1985) (Dall'Oglio, 1986 - Tea, 1993)
L'assassinio della Torre di Londra (L'assassin de la Tour de Londres, 1986) (Dall'Oglio, 1986 - Tea, 1995)
I tre delitti di Natale (Les Trois Crimes de Noël, 1986) (Dall'Oglio, 1987 - Tea, 1993)
Delitto a Cambridge (Meurtre à Cambridge, 1987) (Dall'Oglio, 1988 - Tea, 1993)
Assassinio tra i druidi (Meurtre chez les druides, 1987) (Dall'Oglio, 1988 - Tea, 1994)
Omicidio a quattro mani (Meurtre à quatre mains, 1988) (Dall'Oglio, 1988 - Tea, 1993)
Il mistero di Kensington (Le Mystère de Kensington, 1988) (Dall'Oglio, 1989 - Tea, 1993)
Chi ha ucciso sir Charles? (Qui a tué Sir Charles?, 1989) (Dall'Oglio, 1990 - Tea, 1994)
Delitti a Le Touquet (Meurtres au Touquet, 1989) (Dall'Oglio, 1990 - Tea, 1994)
Il ritorno di Jack Lo Squartatore (Le Retour de Jack l'Éventreur, 1989) (Tea, 1997)
Indagine in casa editrice (Meurtre chez un éditeur, 1990) (Tea, 2004)
Higgins indaga (Higgins mène l'enquête, 1990) (Tea, 1997)
Assassinio nella vecchia Nizza (Meurtre dans le vieux Nice, 1990) (Dall'Oglio, 1991 - Tea, 1995)
Quattro donne per un delitto (Quatre femmes pour un meurtre, 1990) (Dall'Oglio, 1991 - Tea, 1994)
Scomparsi a Loch Ness (Les Disparus du Loch Ness, 1991) (Tea, 2001)
Il mistero della camera oscura (Le Secret de la chambre noire, 1991) (Tea, 1996)
Delitto al festival di Cannes (Crime au festival de Cannes, 1992) (Tea, 1999)
L'orologiaio di Buckingham (L'Horloger de Buckingham, 1992) (Tea, 2005)
La maledizione del templare (La Malédiction du Templier, 1993) (Tea, 2003)
Delitto al circolo del golf (L'Assassin du golf, 1995) (Tea, 2006)
Dal 2011 è iniziata una riedizione generale della serie con il titolo Les Enquêtes de l'inspecteur Higgins (Le indagini dell'ispettore Higgins), firmata Christian Jacq:
Il segreto di Mac Gordon (Le Secret des Mac Gordon, 2013, riedizione) (Tea, 2017)
Assassinio tra i druidi (Assassinat chez les druides, 2016, riedizione) (Tea, 2017)
La maledizione di Tutankhamon (La Malédiction de Toutânkhamon, 2016) (Tea, 2017)

Serie Il romanzo di Kheops.

L'inferno del giudice (La Pyramide assassinée, 1993) (Mondadori, 1998)
Il testamento degli dei (La Loi du désert, 1993) (Mondadori, 1998)
Il ladro di ombre (La Justice du vizir, 1994) (Mondadori, 1998)
Christian Jacq e il boom attuale dell'antico Egitto un notevole mix di saggezza e tesori.Twitta

Serie Il grande romanzo di Ramses.

Il figlio della luce (Le Fils de la lumière, 1995) (Mondadori, 1997, 2016)
La dimora millenaria (Le Temple des millions d'années, 1996) (Mondadori, 1997, 2016)
La battaglia di Qadesh (La Bataille de Kadesh, 1996) (Mondadori, 1997, 2016)
La regina di Abu Simbel (La Dame d'Abou Simbel, 1996) (Mondadori, 1997, 2016)
L'ultimo nemico (Sous l'acacia d'Occident, 1996) (Mondadori, 1998, 2016)


Serie Le inchieste di lord Percival.

Scritti con lo pseudonimo di Christopher Carter.
L'ultimo mistero di Agatha Christie (Le Dernier Crime d'Agatha Christie, 1998) (Il Giallo Mondadori n. 2632, 1999)
Delitto al gran premio (Le Cheval du crime, 1998) (Il Giallo Mondadori n. 2653, 1999)

Serie Il segreto della pietra di luce.

Nefer (Néfer le silencieux, 2000) (Mondadori, 2000)
Claire (La Femme sage, 2000) (Mondadori, 2000)
Paneb (Paneb l'ardent, 2000) (Mondadori, 2000)
Maat (La Place de vérité, 2000) (Mondadori, 2000)


Serie La regina Libertà.

L'impero delle tenebre (L'Empire des ténèbres, 2002) (Corriere della Sera, 2004)
La guerra delle corone (La Guerre des couronnes, 2002) (Corriere della Sera, 2004)
La spada di luce (L'Épée flamboyante, 2002) (Corriere della Sera, 2004)




Serie I misteri di Osiride.

L'albero della vita (L'Arbre de vie, 2003) (Corriere della Sera, 2004)
La cospirazione del male (La Conspiration du mal, 2003) (Corriere della Sera, 2004)
Il cammino di fuoco (Le Chemin de feu, 2004) (Corriere della Sera, 2004)
Il grande segreto (Le Grand Secret, 2004) (Corriere della Sera, 2004)

Serie Il romanzo di Mozart.

Il maestro segreto (Le Grand Magicien, 2006) (Cairo, 2006)
Il figlio della luce (Le Fils de la lumière, 2006) (Cairo, 2006)
Il fratello del fuoco (Le Frère du feu, 2006) (Cairo, 2006)
Il prediletto di Iside (L'Aimé d'Isis, 2006) (Cairo, 2006)

Serie Il figlio di Ramses.

La tomba maledetta (La Tombe maudite, 2014) (Tre60, 2016 - Tea, 2017)
Il libro proibito (Le Livre interdit, 2015) (Tre60, 2016 - Tea, 2017)
Il ladro di anime (Le Voleur d'âmes, 2015) (Tre60, 2016 - Tea, 2017)
La città sacra (Le Duel des mages, 2015) (Tre60, 2016 - Tea, 2017)

I quattro titoli sono anche stati raccolti in quest'unico volume:

Il figlio di Ramses: la grande saga di Setna (Tre60, 2016 - Tea, 2017)

Altri romanzi.

L'architetto (Le Moine et le Vénérable, 1985) (Mondadori, 2000)
La stele nera (Champollion l'Égyptien, 1987) (SugarCo, 1988)
Salomone - Il tempio segreto (Maître Hiram et le roi Salomon, 1989) (Mondadori, 1999)
Per amore di Iside (Pour l'amour de Philæ, 1990) (Bompiani, 1997)
L'affare Tutankhamon (L'Affaire Toutânkhamon, 1992) (Bompiani, 1997)
Il faraone nero (Le Pharaon noir, 1997) (Mondadori, 1997)
Il mago del Nilo. Imhotep e la prima piramide (Imhotep, l'inventeur de l'éternité, 2010) (Tre60, 2017)
Cleopatra. L'ultima regina d'Egitto (Le Dernier Rêve de Cléopâtre, 2012) (Tre60, 2017)
Nefertiti. La regina del sole (Néfertiti, l'ombre du soleil, 2013) (Tre60, 2017)

Opere per i giovani.

Il ragazzo che sfidò Ramses il Grande (La Fiancée du Nil, 1996) (Piemme, 1997)
Storie e leggende della terra di Ramses (Contes et légendes du temps des pyramides, 1996) (Mondadori, 1997)
Alla scoperta di Ramses: viaggiando nell'antico Egitto (Les Pharaons racontés par Christian Jacq, 1996) (Mondadori, 1997)



Saggi.

La grande sposa Nefertiti (Akhénaton et Néfertiti, le couple solaire, 1976) (Mondadori, 1998)
La massoneria: storia e iniziazione (con fotografie e disegni di François Brunier) (La Franc-maçonnerie : histoire et initiation, 1974) (Mursia, 1975)
Il messaggio dei costruttori di cattedrali (Le Message des constructeurs de cathédrales, 1980) (L'Età dell'Acquario, 2009)
precedentemente Il segreto della cattedrale (Mondadori, 1999)
La confraternita dei saggi del Nord (La Confrérie des Sages du Nord, 1980) (L'Età dell'Acquario, 2009)
L'Egitto dei grandi faraoni (L'Égypte des grands pharaons : l'histoire et la légende, 1981) (Mondadori, 1998)
Il mondo magico dell'antico Egitto (Le Monde magique de l'Égypte ancienne, 1983) (Mondadori, 1997)
Vita quotidiana dell'antico Egitto (L'Égypte ancienne au jour le jour, 1985) (Mondadori, 1999)
I grandi monumenti dell'antico Egitto (Les Grands Monuments de l'Égypte ancienne, 1986) (Mondadori, 1998)
Il viaggio iniziatico ovvero I 33 Gradi della Saggezza (dialogo con Pierre Delœuvre) (disegni di Roger Begey) (Le Voyage initiatique ou les trente-trois degrés de la sagesse,1986) (L'Età dell'Acquario, 2010)
La Valle dei Re: storia e scoperta di una dimora eterna (La Vallée des rois: histoire et découverte d'une demeure d'éternité, 1992) (Mondadori, 1998)
L'insegnamento del saggio egizio Ptahhotep: il libro più antico del mondo (L'Enseignement du sage égyptien Ptahhotep: le plus ancien livre du monde, 1993) (Mondadori, 1998)
Conoscere l'antico Egitto (Initiation à l'égyptologie, 1994) (Mondadori, 1997)
Il segreto dei geroglifici: come entrare nel magico mondo degli antichi egizi (Le Petit Champollion illustré : les hiéroglyphes à la portée de tous, ou Comment devenir scribe amateur tout en s'amusant, 1994) (Piemme, 1995)
Il messaggio iniziatico delle cattedrali (Le message initiatique des cathédrales, 1995) (Mondadori, 2000)
Le donne dei faraoni: il mondo femminile dell'antico Egitto (Les Égyptiennes: portraits de femmes de l'Égypte pharaonique, 1996) (Mondadori, 1997)
I segreti dell'antico Egitto: interpretati da Jean-François Champollion (Textes fondamentaux sur l'Égypte ancienne, 1996) (Mondadori, 1998)
La misteriosa sapienza dell'antico Egitto: massime di eterna saggezza (La Sagesse vivante de l'Égypte ancienne, 1998) (Mondadori, 2000)
Testi delle piramidi: manuale di vita (La Tradition primordiale de l'Égypte ancienne: selon les textes des pyramides, 1998) (Bompiani, 1998)
Viaggio nell'Egitto dei faraoni (Voyage dans l'Égypte des pharaons avec Christian Jacq, 2002) (Mondadori, 2004)
I grandi saggi dell'Antico Egitto (Les Grands Sages de l'Égypte ancienne. D'Imhotep à Hermès, 2009) (Mondadori, 2011)
L'Egitto. Fra cielo e Nilo Autori Christian Jacq, Philip Plisson, Editore L'Ippocampo, 2010



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

rss-icon-feed-1

Il grande romanzo di Ramses è una saga di 5 libri, scritta dallo scrittore francese Christian Jacq, che narra la vita del faraone Ramesse I...

Il grande romanzo di Ramses è una saga di 5 libri, scritta dallo scrittore francese Christian Jacq, che narra la vita del faraone Ramesse II. Il romanzo, oltre che racconto delle imprese del sovrano, è anche un dettagliato quadro della vita quotidiana nell'epoca ramesside, periodo storico molto studiato dall'autore della saga.

Regnò per sessantasette anni. Portò il suo paese all'epopea della gloria e della sapienza. Ramses II, "il figlio della luce", fu il più grande faraone egizio e l'uomo che impresse una svolta alla storia del mondo antico. Con questa meravigliosa narrazione - un caso editoriale senza precedenti - Christian Jacq ci fa calcare in modo appassionante la scena della sua vita.
Ramses_II

Il Romanzo di Ramses.

Grazie alle più raffinate conoscenze storiche e al tocco dell'immaginazione possiamo condividere le angosce e le speranze del grande faraone, soffrire con lui dei tradimenti e gioire delle vittorie, incontrare una schiera di personaggi indimenticabili: suo padre Sethi, la dolce sposa Nefertari, il poeta Omero, l'ebreo Mosè...

Dall'iniziazione alle lotte per il regno, dagli amori per la concubina Iset ai pericoli corsi per il bene dell'Egitto: un'epopea, magica e storica, rivelata fino all'ultimo atto.

La Saga.

A partire da gennaio 2016, l'intera pentalogia è stata rieditata, sempre dalla Mondadori sia separatamente che in un unico libro che riunisce tutti i 5 libri.

Il romanzo, oltre che racconto delle imprese del sovrano, è anche un dettagliato quadro della vita quotidiana nell'epoca ramesside, periodo storico molto studiato dall'autore della saga.

A partire da gennaio 2016, l'intera pentalogia è stata rieditata, sempre dalla Mondadori sia separatamente che in un unico libro che riunisce tutti i 5 libri.

Il Figlio della Luce.

Il primo dei 5 volumi narra le vicende di un giovane Ramses dal suo scontro con un gigantesco toro, sotto gli occhi attenti del padre (il grande sovrano Sethi) che alla fine dello scontro taglia a Ramses il ricciolo di infanzia dicendogli che la sua vita comincia domani, fino alla sua ascesa al trono; infatti, nonostante Ramses abbia avuto il coraggio di affrontarlo, ma non la capacità di sconfiggerlo, Sethi ha ritenuto adatto a iniziare il suo cammino, che inizia col dominare la propria paura. Osteggiato dal fratello maggiore Shenar, abile nei complotti e sicuro di divenire nuovo faraone alla morte del padre, Ramses si troverà costretto a superare parecchi pericoli, fra cui attentati mossi dallo stesso Shenar, sfide con divinità occulte e scontri con popolazioni ostili.

Il giovane principe è fiancheggiato da quattro amici d'infanzia: Ameni, lo scriba attento al proprio lavoro, magro, pallido e dai capelli radi nonostante l'età; Setau, l'incantatore di serpenti, misteriosi e bizzarro nell'abbigliamento; Asha, il diplomatico, sempre molto elegante e sicuro di sé; Mosè, l'ebreo dal cuore infiammato da una forza misteriosa, robusto e atletico, amante dell'architettura. All'inizio della storia verrà aiutato anche da Sary un trentenne in passato tutore di Ramses e dei suoi quattro amici; successivamente Sary aveva sposato Dolente, la giovane sorella di Ramses, matrimonio che gli è valso l'invidiato carico di tutore del principe.

Mosso dal padre ad affrontare prove incredibili che riusciranno a forgiarlo come futuro sovrano, Ramses mostra un carattere energico e molto forte, riuscendo così ad attrarre la bella Isinofret, dai più detta Iset, la fanciulla più apprezzata dall'alta società, che si unisce a lui e lo ama alla follia. Il giovane però, benché attratto dalla passionalità dell'amante, si innamora della pacata Nefertari, una sacerdotessa che ha scelto la vita contemplativa del tempio. Corrisposto nel suo amore decide di sposarla, ma poi sceglie anche di mettere Iset sotto la sua protezione, perché per bocca di quest'ultimo Ramses ha scoperto che la stessa Iset è incinta di quello che sarà il primogenito di Ramses, Kha.



Shenar trama contro il fratello, che sembra realizzare le aspettative del padre, e scaglia contro di lui tutta l'alta società dell'epoca. La situazione si acuisce ancora di più quando in Egitto giunge la flotta greca, capitanata da Menelao, di ritorno da Troia. Il re di Sparta conduce con sé, oltre al poeta Omero, anche la moglie Elena, causa di una guerra che ha causato molti morti. Oppressa dal rimorso, la regina trova la felicità nella terra del Nilo e, grazie all'aiuto della grande sposa reale Tuya, moglie di Seti, e di Nefertari, riesce a vivere in Egitto per lungo tempo, attirandosi però così l'ira di Menelao che decide di complottare con Shenar nel suo conflitto contro Ramses.

Quest'ultimo è riuscito intanto a sventare l'attacco di alcuni pirati Shardana, una tribù sarda di pirati, e a sconfiggere in battaglia il loro capo, Serramanna, che, risparmiato nello scontro, decide di servire per tutta la vita il suo avversario. Grazie all'aiuto del guerriero sardo, divenuto sua guardia personale, Ramses riesce a salvarsi più volte dall'aggressione di sicari greci mandati da Menelao. Durante un viaggio in Nubia il giovane salva anche un piccolo di leone che da allora diviene suo animale domestico.

Inaspettatamente il faraone Sethi, dopo aver proclamato Ramses suo correggente, muore dopo 15 anni di regno e il peso del trono crolla sulle spalle del figlio, ancora inesperto e odiato dai membri dell'alta società, sostenuto solo dai suoi quattro amici, dalla madre e dall'amata Nefertari. Con questo episodio si conclude il primo volume della saga.
Ramses-Il-Figlio-della-Luce

La Dimora Millenaria.

Il secondo libro è intitolato La dimora millenaria e narra gli eventi succedutisi dall'ascesa al trono del nuovo sovrano fino all'imminente scontro con la terribile potenza ittita.

Non sentendosi ancora pronto al fardello della corona, Ramses deve resistere agli attacchi di Shenar e Menelao. Quest'ultimo riesce finalmente a riprendersi la moglie Elena e a fuggire dall'Egitto. La regina però riesce ad avere la meglio sul marito, uccidendosi durante il viaggio. Il poeta Omero decide di rimanere in Egitto, avendo molto apprezzato il coraggio del nuovo faraone.

Il giovane, spaventato da complotti di corte, decide di rinnovare l'amministrazione di palazzo affidando gli incarichi maggiori ai suoi fedelissimi: nomina Ameni, suo amico d'infanzia, portasandali personale e dunque capo di tutti gli scribi del regno, Nedjem, il fedele giardiniere, ministro dell'Agricoltura, Romè, cuoco reale, grande maggiordomo e capo intendente del palazzo faraonico, Asha, altro amico d'infanzia, capo dello spionaggio, Mosè capo architetto, Nebu, vecchio sacerdote di Dendera, gran sacerdote del dio Amon. Credendo di poter migliorare il fratello Shenar decide di farlo nominare ministro degli Affari esteri. Questi però continua a complottare contro Ramses ed ha adesso, quale grande alleato, Asha, che il faraone crede suo amico.

Nell'ombra intanto cospira il malvagio Ofir, un mago libico, deciso a convertire l'Egitto alla religione del dio Aton e a proclamare Lita, discendente del faraone eretico Akhenaton, nuova regina.

Sfruttando il suo forte carisma tenta più volte di convincere Mosè, alla ricerca di una verità religiosa, a seguirlo, ma questi si rifiuta di farlo.

I complotti continuano e Ramses scopre tra i congiurati anche Sary, suo antico maestro, e sua moglie Tia, detta Dolente, sorella del faraone. Questi viene condannato ad abbandonare il proprio rango e a divenire sovrintendente nel lavoro degli operai per la costruzione della nuova capitale Pi-Ramses, della quale Mosè sarà architetto.

Ofir intanto è riuscito a portare dalla propria parte anche Dolente e Meba, ex ministro degli Affari esteri, e insieme a loro complotta contro Ramses. Il mago decide di utilizzare le sue arti oscure contro Nefertari, che in quel momento era incinta. La regina viene colpita da un maleficio ma riesce comunque a partorire. La piccola, chiamata Meritamon, riesce a sopravvivere solo grazie agli intrugli benefici di Setau e di sua moglie, la nubiana Loto.

Tuya convince il figlio a costruire una "dimora millenaria" che possa fornire al faraone l'energia necessaria per la sua battaglia contro le forze malefiche. Ramses, dopo aver completato la costruzione del tempio di Luxor, ordina a Bakhen, ex capo delle guardie e ora sacerdote a Tebe, di iniziare l'edificazione del Ramesseum, il suo tempio funerario.

Nonostante gli incessanti controlli di Serramanna, nell'ombra vi sono ancora congiurati e Ofir è riuscito perfino ad allearsi con Shenar che, intanto, ha deciso di prendere accordi con Raia, una spia siriana al servizio degli ittiti. Quest'ultimo rivela al nobile egiziano che l'imperatore ittita Muwatalli vuole divenire suo complice nella caduta di Ramses, proclamandolo faraone d'Egitto dopo la sua rovina e instaurando con lui un rapporto di tipo commerciale.

A causa dello scoppio di una rivolta in Nubia, Ramses è costretto a scendere nel profondo sud per affrontare i ribelli. Accompagnato da truppe specializzate riesce a riportare la pace in Nubia. Durante il viaggio di ritorno, si ritrova con i suoi uomini in una zona lussureggiante e magnifica chiamata "Abu Simbel".

In Egitto sono intanto conclusi i lavori di costruzione di Pi-Ramses e grandi festeggiamenti inaugurano l'arrivo di Ramses e Nefertari nella nuova capitale. Divenuto ormai capo indiscusso degli ebrei, che lo onorano come loro guida, Mosè, reso famoso per aver edificato in poco tempo la città, difende gli operai più deboli dai soprusi dei loro sovrintendenti, in particolare da Sary, che non esita a spadroneggiare su di essi. Mentre questi colpisce Abner, un mattonaio ebreo che ha osato svelare tutto a Mosè, Mosè tenta di difendere l'aggredito ma per sbaglio, ma anche per legittima difesa a favore di Abner stesso, uccide Sary. Spaventato e sicuro di essere ormai ricercato, Mosè decide di fuggire via da Pi-Ramses in direzione del deserto.

Il romanzo si conclude con l'arrivo di un messaggio di Asha a Ramses: gli ittiti hanno deciso di attaccare l'Egitto.

Ramses - La dimora millenaria


La Battaglia di Qadesh.

Il terzo volume è intitolato La battaglia di Qadesh e narra appunto il grande conflitto fra egiziani e ittiti che avrà come suo apice la terribile battaglia di Kadesh.

Gli ittiti, decisi a conquistare l'Egitto, hanno sterminato gli egiziani delle zone di frontiera e hanno sottomesso al proprio volere i principi di provincia, alleati di Ramses. La capitale del suo regno diventa dunque un enorme caserma dove giorno e notte vengono fabbricate armi e carri da guerra. Serramanna in persona addestra le nuove reclute e fa conoscere loro la durezza della guerra.

Shenar intanto, in combutta con Asha e Raia, è sicuro che l'esercito egiziano non riuscirà a sopravvivere al disastro di questa nuova guerra perché male armato e poco addestrato alle lotte in campo. Serramanna intanto, a causa di un tranello di Raia, viene rinchiuso in prigione per alto tradimento pur essendo in realtà innocente.

Ramses ha preparato il suo esercito e, dopo aver affidato il potere decisionale a Nefertari, Tuya ed Ameni, parte per la terra di Canaan deciso a debellare la rivolta nei confini e a sconfiggere i vecchi alleati traditori. In meno di un mese le truppe faraoniche riconquistano tutta la terra di Canaan e sottomettono nuovamente i principi di provincia al volere dell'Egitto. Con grande prova di forza, Ramses e i suoi vincono anche contro i ribelli di Megiddo e costringono il principe Benteshina di Amurru ad arrendersi.

Dopo questa prima vittoria, il faraone e il suo esercito tornano trionfanti a Pi-Ramses. Ameni e Asha riescono intanto a scoprire la reale innocenza di Serramanna e il sardo viene dunque liberato. Ofir continua a combattere il faraone con le sue arti oscure e tenta di fare del male a Nefertari utilizzando il suo scialle, rubato da Romè, l'intendente di palazzo. Questi però viene scoperto e, non appena sta per confessare tutto, Ofir, utilizzando la sua magia, lo fa morire con un sortilegio.

Intanto ad Hattusa, capitale del regno ittita, i due consiglieri del re Muwatalli, suo figlio Uri-teshup e suo fratello Hattusil, sono in contrasto riguardo alla guerra. Il primo è assetato di sangue e vorrebbe distruggere l'Egitto, il secondo invece vorrebbe utilizzare la diplomazia. Tentando di placare prima i dissensi interni, Muwatalli decide di ritardare i preparativi per la guerra. Preoccupato per questa inattività degli ittiti, Ramses ordina ad Asha di infiltrarsi nel loro regno sotto mentite spoglie.

Raia, la spia siriana che complotta con Shenar, viene incastrato ed è costretto a ritirarsi dalla sua rete di spionaggio. Recatosi dal suo capo, Ofir, anche lui al servizio degli ittiti, rivela il suo fallimento. Il mago libico decide dunque di utilizzare come nuova spia Meba, ex ministro degli Affari Esteri. Mentre ripristina la sua rete di spionaggio, Ofir riesce a colpire con i suoi sortilegi anche Nefertari che adesso sta morendo. Ramses decide di recarsi in Nubia perché, secondo una leggenda, lì troverà una pietra in grado di salvare l'amata sposa. Grazie all'aiuto di Setau e sua moglie Loto trova il magico oggetto e riesce così a scongiurare la minaccia del mago libico che è costretto a fermare momentaneamente i suoi attacchi. Nel luogo del ritrovamento, Abu Simbel, Ramses ordina che sia costruito un tempio in onore della grande coppia reale.

Nefertari intanto è preoccupata perché Ramses non ha discendenti maschi all'infuori del figlio avuto in gioventù con Iset, il piccolo Kha. La grande sposa reale, divenuta sterile in seguito al parto, chiede al marito di unirsi ancora con Iset così da poter generare un nuovo erede. Il faraone, benché a malincuore, accetta la proposta della moglie e dalla sua unione con la bella Iset nasce un secondo figlio maschio, Merenptah.



Asha intanto, dopo aver scoperto che gli ittiti sono pronti a colpire, viene arrestato da Raia e costretto alla reclusione. Prima della cattura riesce però a mandare un messaggio a Ramses, rivelandogli così le intenzioni degli ittiti. Ofir, scoperto intanto da Serramanna, uccide la giovane Lita e fugge insieme a Dolente, sicuro che Muwatalli raderà presto al suolo l'Egitto.

Ramses prepara dunque il suo esercito per lo scontro definitivo con gli ittiti. Prima di partire però fa arrestare Shenar che, convinto che Asha sia un suo alleato, non si è mai reso conto che questi non aveva mai tradito il faraone, ma lo aveva invece messo in guardia dai suoi progetti malvagi. Grazie a una terribile tempesta di sabbia, Shenar riesce ad eliminare i suoi sorveglianti e a fuggire prima di venire condannato ai lavori forzati.

Sul monte Sinai, Mosè, che si era stabilito presso la tribù di Madian, ha la visione di Dio e decide di tornare in Egitto per liberare i propri compatrioti, che non sono schiavi bensì comuni lavoratori, benché non siano liberi di credere nel loro unico Dio in una terra di politeisti.

Comincia la battaglia di Kadesh. Grazie a un inganno degli ittiti, la maggior parte degli uomini di Ramses vengono circondati e sterminati. Il faraone, favorito all'improvviso dalla luce divina di Amon, insieme al fedele leone Massacratore, quello che aveva salvato da cucciolo e che ora era divenuto una vera e propria macchina da guerra, affronta gli ittiti e riesce a metterli in fuga poiché questi, vedendo le sue incredibili dote di guerriero, credono sia un dio. Muwatalli e Hattusil non riescono a rincuorare i propri uomini e sono costretti a rifugiarsi nella fortezza di Kadesh, ritenuta inespugnabile.

Ramses non riesce a conquistarla ma non è deciso ad arrendersi. Muwatalli gli manda un messaggio chiedendo la pace in cambio della vita di Asha. Il faraone, alla fine, accetta l'accordo.

Gli ittiti non accettano però questa sconfitta e, mentre Asha tenta di riconquistare con la diplomazia i territori di frontiera, Hattusil lo fa catturare e rinchiudere all'interno della fortezza di Amurru, ordinando al diplomatico di scrivere un messaggio nel quale rivelava che tutto andava per il meglio in quelle terre. Asha, utilizzando i suoi trucchetti, svela a Ramses la sua situazione. Il faraone ordina a Serramanna di recarsi ad Amurru per liberare il suo amico.

Ramses - La battaglia di Qadesh

La Regina di Abu Simbel.


Il quarto volume è intitolato La regina di Abu Simbel e narra le ultime fasi della guerra contro gli ittiti, il racconto biblico dell'Esodo e la costruzione del tempio di Abu Simbel, con la successiva morte di Nefertari.

Ramses continua le sue campagne, riconquistando i territori riconquistati dagli ittiti. La fortezza di Gaza cade sotto il dominio egizio, i suoi soldati annientati. Il faraone vuole muovere contro la fortezza d'Amurru, deciso a liberare l'amico Asha. Grazie a uno stratagemma riesce a vincere anche questa battaglia e il principe Benteshina è costretto alla resa lasciando andar via Asha, ma Setau, sopraffatto dall'emozione per aver scoperto che Asha era sano e salvo, lascia accidentalmente andare la sua vipera che aveva in mano, vipera che attacca e morde Benteshina.

In Egitto intanto Ofir e Shenar sono ricercati da Serramanna che ha sguinzagliato i suoi scagnozzi alla loro ricerca. I due si ritirano nella perduta città di Akhenaton dove possono continuare a complottare senza disturbo alcuno. Il mago libico ha deciso di attaccare adesso il piccolo Kha, primogenito di Ramses e ordina a Meba di portargli uno dei suoi oggetti, questi riesce nell'impresa, ma uno degli uomini di Serramanna, un mercenario cretese, riesce a scovare il nascondiglio di Ofir che però, cogliendolo di soprassalto, non esita a toglierlo di mezzo, tagliandogli la gola.

Intanto Mosè è tornato in Egitto e, accolto in casa del fratello Aronne, rivela al consiglio degli anziani ciò che Dio gli ha ordinato di compiere. Qualche giorno dopo, Serramanna lo arresta insieme a un drappello, affinché venga processato per l'omicidio di Sary. Durante il processo, Mosè dimostra di aver compiuto il giusto in difesa di un oppresso. Dolente stessa, chiamata a testimoniare, rivela al giudice che suo marito era solito maltrattare i più deboli. Mosè viene scarcerato grazie alla testimonianza del mattonaio Abner ma scopre presto perché la principessa ha testimoniato in suo favore: Ofir e Shenar vogliono che lui svolga la propria missione così da indebolire Ramses e permettere loro di distruggerlo.

Nel regno degli ittiti intanto Muwatalli non riesce a prendere una decisione poiché Uri-teshup chiede che continui la guerra mentre Hattusil consiglia al fratello di accordarsi pacificamente con gli egiziani così da poter affrontare insieme ad essi i minacciosi assiri. Convinto però che sia il figlio ad avere ragione, l'imperatore di Hattusa nomina lui comandante delle armate, togliendo così il potere ad Hattusil. Colpito da un infarto, Muwatalli è costretto dal figlio ad affidargli il suo impero.

Asha viene mandato ad accordarsi con gli ittiti ma viene attaccato nei pressi di un fortino, trova però protezione presso Hattusil, che vuole la pace con gli egizi. Il diplomatico ha deciso però di recarsi ad Hattusa e far cadere Uri-teshup in un tranello. Intanto Ramses, spaventato per un ulteriore attacco di Ofir, decide di costruire un nuovo tempio ad Abu Simbel, dedicato all'amata Nefertari, così da aumentare le proprie difese magiche. In prossimità della Nubia però la sua nave viene attaccata da alcuni nubiani, guidati dallo stesso Shenar, che però non riescono nell'intento di ucciderlo e sono costretti a fuggire.

Il piano di Asha va intanto a buon fine: convinto di essere stato tradito, Uri-Teshup chiede all'egiziano chi siano le spie e, in preda alla sua sete di sangue, ordina di uccidere alcuni dei suoi partigiani, che egli crede traditori. Intanto Hattusil è tornato nella capitale e riesce a crearsi una rete di amicizie grazie alle quali riuscirà ad eliminare Uri-Teshup. Questi, dopo la morte di Muwatalli, colpito da un attacco cardiaco, è divenuto praticamente un sovrano assoluto e ha già scoperto il nascondiglio dell'odiato zio. Egli, giunto sul posto, ordina ai suoi arcieri di uccidere Hattusil, la moglie Putuhepa e la loro figlioletta, ma gli stessi arcieri gli si ritorcono contro. Tradito dal suo stesso esercito, Uri-teshup è costretto a ritornare da Asha, che gli consiglierà di fuggire in Egitto dove potrà essere al sicuro. Questi, deluso, si reca presso Ramses che, benché lo reputi un nemico, non osa offendere le leggi di ospitalità e lo accoglie nel proprio paese, specialmente dopo che questi gli ha rivelato tutti i segreti dell'arte militare ittita. Hattusil però accorderà al faraone la pace solo se questi gli permetterà di uccidere l'avido nipote.

Cominciano i lavori di costruzione di Abu Simbel e Ramses affida la responsabilità di tale opera a Setau e a Loto. Al suo ritorno riceve Mosè e Aronne in presenza del gran consiglio egizio. Questi trasforma il suo bastone in serpente ma il suo trucco viene presto svelato da Setau, perché quella trasformazione l'aveva insegnata a Mosè stesso. Deciso a liberare il proprio popolo dall'Egitto, Mosè non si arrende e scaglia contro di esso nove piaghe. Alcune di esse non sono però create dal suo Dio, bensì da Ofir che utilizza le sue arti oscure per avvelenare gli armenti e generare pustole nella pelle di Ameni e di altri individui.

Meba viene mandato intanto ad uccidere di nascosto Uri-teshup ma Serramanna riesce a scovarlo e ad eliminarlo prima che questi possa nuocere a qualcuno. Ofir intanto, utilizzando un oggetto rubato a Kha, decide di generare un grande sortilegio che possa uccidere tutti i primogeniti d'Egitto così da portare il paese nello scompiglio. Serramanna, spiando Dolente, riesce a scoprire il suo nascondiglio e lo cattura prima che questi possa compiere il misfatto. Processato in presenza del visir, Ofir è condannato a morte per veleno, Dolente verrà condannata presso un'oasi, e i nomi di Dolente e di Shenar verranno per sempre dimenticati.

In Nubia Shenar ha radunato un vero e proprio esercito di guerrieri locali e ha conquistato una miniera, sicuro che Ramses cada nel suo tranello. Quest'ultimo però riesce a batterlo sul tempo e ad eliminare l'esercito avversario prima ancora che possa essere completamente attaccato. Shenar, in preda alla furia, decide di uccidere in persona il fratello, ma prima se la prende con i nubiani, accusandoli di viltà, codardia e ignonimia, e addirittura uccide un vecchio capotribù. Non sa che quest'azione gli costerà inevitabilmente la vita. I nubiani, infatti, lo guardano con un terribile odio per averli traditi; Shenar riesce a sfuggire alla fanteria nubiana, ma non agli arcieri che lo uccidono all'instante con le loro frecce che lo colpiscono in tutto il corpo.

Mentre Ramses è assente, Serramanna decide di inseguire gli ebrei che qualche giorno prima erano stati liberati. Mosè però, sfruttando le basse maree, riesce a superare il mare delle canne insieme al suo popolo. I carri egizi rimangono invece impantanati e a causa dell'alta marea sprofondano nei flutti del mare. Serramanna è costretto a fuggire e, tornato a Pi-Ramses, chiede perdono al faraone per il proprio fallimento. Questi lo perdona e gli ordina di accogliere gli ambasciatori ittiti. Nefertari infatti, grazie a un contatto epistolare con Puthuepa, la moglie di Hattusil, è riuscita a ottenere la pace fra ittiti ed egiziani.

Alla fine, dopo la morte di Omero, viene concluso il Ramesseum. Ma durante la cerimonia, nella quale sono presenti le massime autorità del regno, Tuya ha un mancamento e muore. Dopo la cerimonia funebre in suo onore, Setau manda un messaggio a Ramses rivelandogli che anche i lavori per Abu Simbel sono terminati. Entusiasta di tale capolavoro, il faraone gioisce insieme alla sposa Nefertari che però sembra alquanto stanca agli occhi di Loto che cerca di sostenerla. La grande sposa reale spende tutte le sue energie affinché l'inaugurazione del tempio, che suggella l'amore della coppia reale, possa procedere senza intoppi. Lo sforzo è però immane e la regina, stanca per le troppe fatiche, non riesce a sopportarlo e muore fra le braccia del marito.

Ramses - La regina di abu simbel

L'ultimo Nemico.


Sono passati parecchi anni dalla morte di Nefertari e ora Ramses, cinquantenne ancora in forma, continua a regnare sull'Egitto con a fianco la bella Iset quale sposa reale. Uriteshup, precedentemente condannato a un domicilio coatto, riesce a trovare la libertà ma, odiando Ramses con tutto il proprio essere, decide di allearsi con Raia e tramare contro il faraone.
Il Romanzo di Ramses è un racconto storico ricco di eventi, di personaggi e di mistero.Twitta
Asha, che ha da poco ricevuto un messaggio dal re ittita Hattusil rivela a Ramses il volere del sovrano alleato: questi è stufo di sentirsi come un suddito per l'Egitto e chiede al faraone di sposare sua figlia. Ramses, che non vuole ripudiare Iset, è deciso a non cedere al volere dell'imperatore ittita.

Serramanna è sicuro che Uriteshup continui a complottare contro il re d'Egitto ed è deciso a seguirlo. Questi, grazie all'aiuto di Raia, riesce a sposare Tanit, una vedova fenicia, che si lascia subito sedurre dall'incredibile possanza del giovane ittita. Il suo enorme patrimonio servirà ai due cospiratori per lanciare un'ondata di rivolte ai danni di Ramses. Ad essi si è da poco unito Malfi, il fratello di Ofir, che è riuscito a radunare sotto il proprio pugno di ferro i clan della Libia, deciso a distruggere l'Egitto vendicando così tutti quei secoli di offese subite.

Asha decide di recarsi ad Hattusa per rivelare al re ittita e a sua moglie che Ramses non ha intenzione di ripudiare la propria sposa. Questi però non è deciso a cedere: o sua figlia diventa regina d'Egitto o ricomincerà la guerra. Durante il viaggio di ritorno, Uri-Teshup attacca la carovana di Asha e lo uccide con la propria daga. Prima di morire, il diplomatico riesce a scrivere col proprio sangue sulla tunica la parola "No", sotto forma di un geroglifico.

Il corpo di Asha viene ricondotto in Egitto con solenne cerimonia. Ramses e Ameni, leggendo sulla tunica il "No" scritto dall'amico defunto, comprendono che non è stato Hattusil a compiere l'omicidio. La guerra non può comunque essere evitata, e Ramses e il suo esercito si prepara a partire. Ma Serramanna chiede al sovrano di correre al palazzo reale: la bella Iset, pur di non causare una nuova guerra, ha preferito suicidarsi così da permettere al marito di sposare la principessa ittita.

Con grandi festeggiamenti giunge in Egitto la figlia del re Hattusil che, durante il matrimonio con Ramses, riceve il nome egizio di Maathorneferura. La giovane, vissuta tutta la vita in una società molto diversa da quella egizia, è convinta di poter spadroneggiare tanto da ordinare che le vengano offerti i tesori dei tempio. Ramses, disgustato dal comportamento della nuova moglie, si infuria e, facendole capire cosa vuol dire essere un vero capo modello, la reclude nell'harem di Merur, lasciandola così vivere in quella gabbia dorata.

Dopo un viaggio in Fenicia, Ramses riesce a salvarsi da una congiura ordita dalla stessa Mat-Hor, che ha agito però sotto il controllo di Uri-Teshup. Questi, convinto che le donne siano solo oggetti, continua a spadroneggiare sulla moglie Tanit che, spaventata dalle sue cattive maniere, decide di recarsi da Serramanna e rivelargli i piani del marito. Il guerriero sardo riesce a circondare la villa dell'ittita ma questi riesce a fuggire in Libia dove continua la propria opera di distruzione al fianco di Malfi.
Leggi anche: Alle fonti del Nilo, un viaggio lungo il maestoso letto del fiume, descritto con grande talento narrativo.
Hattusil intanto, venuto a conoscenza della sorte di Mat-Hor, ha deciso, su richiesta di Ramses stesso, di condurre in Egitto un'altra fra le sue figlie, meno dispotica della prima, così da fare divenire lei Grande Sposa Reale. Sarà comunque Meritamun ad adempire alle grandi cerimonie religiose al fianco del padre. Questi intanto ha scovato il covo di Malfi e Uriteshup, che hanno devastato le fortezze di confine, e muove contro di loro con il grosso del suo esercito. Comincia la lotta con i guerrieri libici durante il quale Merenptah uccide Malfi mentre Serramanna, inizialmente deciso a prendersi una pausa, scopre una cosa che gli è terribile e lo terrorizza: Uri-Teshup sta per uccidere Ramses! Serramanna corre a perdifiato e si interpone tra il faraone e l'ittita, ma non riesce ad evitare il colpo mortale che si conficca nel petto. Tuttavia, Serramanna ha ancora la forza di strangolare il suo nemico di sempre, e si ferma solo alla sua morte. Alla fine, il sardo si accascia a terra, si congratula con Ramses e rende la sua anima tra le braccia del faraone.

Dopo quest'ultimo combattimento, Ramses continua a regnare per molti altri anni. Alla fine della sua vita è vecchio, costretto quindi a camminare con un bastone, e ormai malato anche ai denti; i suoi amici, ad eccezione di Setau, Loto ed Ameni, sono ormai morti, e anche l'imperatore ittita Hattusil, sua moglie Puthuepa, Nebu, il sommo sacerdote di Amon, Kha, il primogenito di Ramses, e l'ebreo Mosè hanno lasciato il mondo dei vivi. Stanco per le lunghe imprese, seduto sotto un albero d'acacia, il faraone guerriero muore carico d'anni, in compagnia di Ameni, che si dispera per la morte del suo antico amico. Per onorarlo, Ameni deciderà quindi di scrivere la sua storia, in modo che nessuna generazione a venire dimenticherà il Figlio della Luce.
ramses-ultimo-nemico



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

rss-icon-feed-1

La fortunata collana Penguin Classics, la casa editrice inglese ha stilato una lista con i cento migliori libri classici di tutti i tempi u...


La fortunata collana Penguin Classics, la casa editrice inglese ha stilato una lista con i cento migliori libri classici di tutti i tempi usando un metro particolare: sono state create 20 liste di "sottogeneri" ciascuna con cinque libri (I migliori libri che parlano di viaggi, d'amore, di pazzi, di tradimenti etc...).
 
E' abbastanza evidente il punto di vista anglosassone, nella lista infatti figurano ben 37 autori inglesi, 20 americani, 9 francesi e 6 russi. L'unico italiano è Machiavelli con Il Principe. Dickens, con 4 libri, è l'autore più presente.

Liste del genere vanno sempre prese per quello che sono, non compare neanche Shakespeare a cui la Penguin dedica una collana a parte.
penguin-classics-30-detail1-1200

I 100 libri migliori di sempre secondo Penguin Classics.


Molte curiosità fra le varie miniclassifiche: in quella sui viaggi Sulla Strada di Jack Kerouac si piazza al primo posto lasciandosi dietro addirittura che L'Odissea di Omero.

Vale comunque come lista di riferimento, nel senso che in ogni caso dove si pesca si pesca bene, e considerato il poco tempo che abbiamo a disposizione per la lettura, è sempre meglio leggere un classico che ci lascia sicuramente qualcosa dentro.

I link nella lista portano alla relativa scheda su Bol.it, con la presentazione del libro in questione.



I PAZZI.

1. Ken Kesey - Qualcuno volò sul nido del cuculo
2. Nikolaj Vasil'evic Gogol' - Diario di un pazzo
3. Jean Rhys - Il grande mare dei Sargassi
4. Fedor Michajlovic Dostoevskij - Delitto e castigo
5. Fedor Michajlovic Dostoevskij - Memorie del sottosuolo

IL SESSO.

1. Georges Bataille - Storia dell'occhio
2. Anais Nin - Una spia nella casa dell'amore
3. David Herbert Lawrence - L'amante di Lady Chatterley
4. Leopold von Sacher Masoch - Venere in pelliccia
5. Geoffrey Chaucer - I racconti di Canterbury

I VILLANI

1. Fedor Michajlovic Dostoevskij - I fratelli Karamazov
2. Joseph Conrad - Cuore di tenebra
3. Ian Fleming - James Bond 007: una cascata di diamanti
4. Mihail Afanas'evic Bulgakov - Il maestro e Margherita
5. Joseph Conrad - L'agente segreto

GLI AMANTI.

1. Edward M. Forster - Camera con vista
2. Emily Bronte - Cime tempestose
3. George Gordon Byron - Don Juan
4. Nancy Mitford - Amore in climi freddi
5. Tennessee Williams - La gatta sul tetto che scotta

GLI EROI.

1. Charles Dickens - David Copperfield
2. George Eliot - Middlemarch
3. H. Rider Haggard - Lei
4. Norman Mailer - Il combattimento
5. Nelson Mandela - Lungo cammino verso la libertà. Autobiografia

GLI STRAPPALACRIME.

1. John Steinbeck - Uomini e topi
2. Edith Wharton - L'età dell'innocenza
3. Victor Hugo - Notre-Dame de Paris
4. Thomas Hardy - Giuda l'oscuro
5. Charles Dickens - La bottega dell'antiquario

I BRIVIDI.

1. Robert Louis Stevenson - Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde
2. Bram Stoker - Dracula
3. Mary W. Shelley - Frankenstein
4. Horace Walpole - Il castello d'Otranto
5. Henry James - Giro di vite

LE GATTE MORTE.

1. William Makepeace Thackeray - La fiera della vanità
2. Vladimir Nabokov - Lolita
3. Tennessee Williams - Baby Doll
4. Truman Capote - Colazione da Tiffany
5. Jane Austen - Emma

I VIAGGI.

1. Jack Kerouac - Sulla strada
2. Omero - Odissea
3. John Steinbeck - Furore
4. Jerome K. Jerome - Tre uomini in barca
5. Lewis Carroll - Alice nel paese delle meraviglie

LA DECADENZA.

1. Francis Scott Fitzgerald - Il grande Gatsby
2. Evelyn Waugh - Corpi vili
3. Oscar Wilde - Il ritratto di Dorian Gray
4. Francis Scott Fitzgerald - Belli e dannati
5. Joris-Karl Huysmans - Controcorrente

I RIBELLI.

1. Malcolm X - Autobiografia di Malcom X
2. Albert Camus - Lo straniero
3. George Orwell - La fattoria degli animali
4. Friedrich Engels, Karl Marx - Manifesto del Partito Comunista
5. Victor Hugo - I miserabili

FANTASCIENZA.

1. Herbert George Wells - La macchina del tempo
2. Philip K. Dick - L'uomo nell'alto castello
3. Herbert George Wells - L'uomo invisibile
4. John Wyndham - Il giorno dei trifidi
5. Evgenij Zamjatin - Noi

LA VIOLENZA.

1. Anthony Burgess - Arancia meccanica
2. Hunter S. Thompson - Hell's angels
3. Charles Dickens - Una storia fra due città
4. James Baldwin - Un altro mondo
5. Truman Capote - A sangue freddo

GLI ALLUCINATI.

1. William S. Burroughs - Junky
2. William Wilkie Collins - La pietra di luna
3. Thomas De Quincey - Confessioni di un oppiomane
4. Jack Kerouac - I sotterranei
5. Georges Simenon - La fuga del signor Monde

I SOVVERSIVI.

1. George Orwell - 1984
2. Edward Abbey - I sabotatori. The Monkey Wrench Gang
3. Niccolò Machiavelli - Il principe
4. Woody Guthrie - Questa terra è la mia terra
5. Arthur Miller - Morte di un commesso viaggiatore

I CRIMINI.

1. Georges Simenon - Maigret e il fantasma
2. William Wilkie Collins - La donna in bianco
3. Raymond Chandler - Il grande sonno
4. Arthur Conan Doyle - Uno studio in rosso
5. John Buchan - I trentanove gradini

GLI ADULTERI.

1. Gustave Flaubert - Madame Bovary
2. Emile Zola - Teresa Raquin
3. Choderlos De Laclos - Le relazioni pericolose
4. Nathaniel Hawthorne - La lettera scarlatta
5. Lev Nikolaevic Tolstoj - Anna Karenina

IL DEGRADO.

1. Robert Graves - Io, Claudio
2. Patrick Hamilton - Hangover Square. Una storia della più tetra Earl's Court
3. John Gay - L'opera del mendicante
4. C. Tranquillo Svetonio - Vite dei dodici Cesari
5. Damon Runyon - Bulli e pupe

L'AZIONE.

1. Robert Louis Stevenson - L'isola del tesoro
2. Omero - Iliade
3. Alexandre Dumas - Il conte di Montecristo
4. Ian Fleming - James Bond. Dalla Russia con amore
5. Lev Nikolaevic Tolstoj - Guerra e pace

LE RISATE.

1. Stella Gibbons - Cold Comfort Farm
2. George Grossmith, Weedon Grossmith - Diario di un nessuno
3. Charles Dickens - Il circolo Pickwick
4. Evelyn Waugh - L'inviato speciale
5. Kingsley Amis - Jim il fortunato



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

rss-icon-feed-1

La tua libreria è talmente piena di romanzi, saggi, enciclopedie e tomi di altro genere che non sai nemmeno tu quali e quanti  libri  possie...

La tua libreria è talmente piena di romanzi, saggi, enciclopedie e tomi di altro genere che non sai nemmeno tu quali e quanti libri possiedi? 

Sei stufo di non trovare mai il libro giusto nel momento in cui ti serve? 

Non ci sono dubbi, fai come facciamo noi, devi iniziare a catalogare i tuoi libri.

Se invece vuoi scoprire come catalogare e archiviare libri sul PC ti consigliamo BookDB2.

BookDB2 è un programma gratuito per Windows grazie al quale organizzare e catalogare la propria collezione di libri diventa facilissimo. Il software è in italiano e permette di ricercare automaticamente libri, autori, ecc. 
AUTORE
TITOLO
DESCRIZIONE
BERRY, Steve L'ultima cospirazione Una spirale d'intrighi e di morte legata ai Templari.
JACQ, Christian Il Romanzo di Ramses
Racconto storico ricco di eventi, di personaggi e di mistero.
MANKELL, Henning Il Cinese
Romanzo di Henning Mankell a metà strada tra un thriller e un romanzo storico.
NARIA, Giuliano I duri Storie, volti e voci del popolo della mala, una serie di brevi racconti dal carcere.
SMITH, Wilbur
Un viaggio lungo il maestoso letto del fiume, descritto con grande talento narrativo.


























































































































































































































































































































































































































































































































































































Una serie di brevi racconti dal carcere che si leggono con molta facilità per lo stile semplice e chiaro, e che si distinguono da altri del ...

Una serie di brevi racconti dal carcere che si leggono con molta facilità per lo stile semplice e chiaro, e che si distinguono da altri del filone carcerario per come vengono affrontati quelli che sono avvenimenti cruciali della storia delle carceri italiane negli anni ‘70 e ‘80: questo è I duri di Giuliano Naria. Con in più una vena scanzonata ed ironica.

Leggere questo libro è stato per me come fare un viaggio nel passato: di quel mondo, così com’è narrato, e che io conosco fin troppo bene, è rimasto infatti ben poco.

Personaggi che uno dopo l’altro si affacciano sul proscenio di un palco immaginario per fare il loro monologo: e anche se ad ognuno sono concesse solo poche pagine, ne escono delineati in tutto il loro spessore. Uomini sempre sul chi vive, che lasciano poco al caso, dei duri appunto!
i-duri

I Duri, storie, volti e voci del popolo della mala.

Se cercate "l’assassino" questa volta non guardate al classico maggiordomo, il colpevole di tanti gialli. Quel mondo non è stato annientato da un killer spietato, non è stato vinto dalla durezza delle carceri speciali, non e stato piegato dal trattamento duro a cui erano sottoposti i detenuti. Tutt’altro.

La violenza era diventata una sorta di sistema.

La violenza non era in quegli anni solo in chi commetteva atti anche molto efferati, era diventata una sorta di sistema, e non hanno disdegnato di ricorrervi anche quelli che questa violenza dovevano combatterla. I circuiti speciali erano spesso un inferno! E quello delle tentate evasioni, dei conflitti continui con l’istituzione carceraria, della legge del più forte era l’unico modo per sopravvivere in quelle condizioni.

Le guerre che nascevano negli speciali si ripercuotevano anche nei circuiti normali.

Le guerre che nascevano negli speciali si ripercuotevano anche nei circuiti normali, con ritorsioni ed a volte anche uccisioni di amici o appartenenti a gruppi rivali. Tanto sangue è stato versato e tanti ragazzi si sono rovinati per "prendere punti".
Leggi anche: Ian Fleming batte Agatha Christie, il padre di 007 è il giallista più pagato.
Sono molti i detenuti entrati allora in carcere per scontare pochi anni e che poi, nel giro di poco tempo, hanno raddoppiato. triplicato la loro pena.

Sovente si è rischiato di uccidere o di essere uccisi.

Sovente si è rischiato di uccidere o di essere uccisi, quella storia oltre ad essere scritta sui fascicoli personali e delle Corti di Assise, è scritta anche sui nostri corpi e nelle nostre coscienze.

I racconti dei detenuti.

Dal breve racconto di Davide: "Nel gergo della mala il carcere è chiamato la casa del nulla, per indicare un mondo che non è un mondo, regolato dall’assoluta violenza e fissato indefinitamente dalla pena a un attimo del tempo passato assunto a misura di ogni cosa".

Leggere questa frase e capirla veramente ti fa venire le vertigini.
I Duri, storie, volti e voci del popolo della mala, una serie di brevi racconti dal carcere.Twitta
Leggetela più di una volta, poi chiudete gli occhi e piombate per qualche secondo in quella dimensione.

Il 70% di chi e in carcere oggi, parlo dei circuiti normali, sono quelli che noi definivamo i turisti, con la mentalità da turista, ed ancor prima di entrare in cella ha già fatto i conti e studiato la strategia per ottenere permessi, semilibertà, etc..

La legge Gozzini.

Intendiamoci, non lo ritengo affatto negativo lo dico solo per sottolineare come l’ambiente sia mutato, e come la tanto criticata legge Gozzini abbia contribuito a creare un clima più a livello d’uomo, riducendo la conflittualità e facendo in modo che anche a chi è rovinato sia lasciato un barlume di speranza.

Il libro di Giuliano Naria.

Il libro di Giuliano Naria, attraverso i racconti dei protagonisti di quegli anni, pur con la componente mitica, l’auto esaltazione che caratterizzano la narrazione delle loro imprese, fa emergere il forte legame che nasceva in carcere tra compagni di sventura, ma sicuramente ne mette in risalto anche le contraddizioni.

Forse non sono la persona più adatta per parlare di questo libro, perché nutro un certo senso di nostalgia, venata di sentimentalismo, verso quegli anni, che, se pure resi duri dagli scontri, dalle rivolte. dagli accoltellamenti, hanno rappresentato per me gli anni della formazione del mio carattere e, nonostante a qualcuno possa sembrare strano, anche di una profonda formazione intellettuale.

Ricordo che leggevamo moltissimo.

Che cosa ricordo soprattutto? Che leggevamo moltissimo. Tra le cose positive c’erano i gruppi di studio autogestito dove "masticavamo", forse con un po’ di empirismo, di tutto.

Non rimpiango niente perché sono abituato a guardare al domani. Con il senno di poi è tutto troppo facile, è chiaro che tanti errori certamente non li commetteremmo Per quel che riguarda l’oggi, quello che non mi piace è che spesso il carcere spinge l’individuo sul terreno dell’ipocrisia, e molte sono le cose che mi rattristano, come ad esempio la scarsa solidarietà tra noi.

Cambiano i tempi, cambiano le regole, siamo cambiati molto anche noi del popolo delle prigioni. In meglio?

Mi piacerebbe sperarlo. 
 
Giuliano Naria, militante della nuova sinistra negli anni della contestazione, nel 1976 viene arrestato con l’accusa di omicidio e di appartenenza alle Brigate Rosse. Dopo sette anni di carcerazione preventiva, viene giudicato e assolto, ma ottiene la libertà solo nel 1985. E’ morto a Milano nel 1997.



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1

Un network inglese ha stilato la prima classifica di scrittori di genere basandosi non sulle copie vendute ma su tutti i fattori che determ...

Un network inglese ha stilato la prima classifica di scrittori di genere basandosi non sulle copie vendute ma su tutti i fattori che determinano il successo economico dell'autore (non eslcuse le aste di memorabilia e diritti d'autore).





La concretezza è una qualità molto british. Ne sanno qualcosa i telespettatori che amano sintonizzarsi su Alibi, canale televisivo inglese votato alla letteratura di genere. Per esempio, si sono chieste le teste pensanti del network, perché non offrire ai telespettatori una classifica dei migliori scrittori di gialli partendo dall'unico elemento davvero concreto? Quale?

Ovviamente il successo economico che traduce l'apprezzamento del pubblico. In questo senso il re incontrastato dei lettori inglesi di gialli è Ian Fleming, creatore di James Bond. Il padre dello 007 ha battuto Agatha Christie, finora incontrastata regina del giallo, tra gli scrittori britannici di polizieschi e storie criminali che hanno guadagnato di più nella storia della letteratura di genere.



Il record all'autore di «Agente 007 Licenza di uccidere» e «Dalla Russia con amore» è stato attribuito dalla prima classifica degli scrittori di «crime stories» più ricchi elaborata dal network Alibi nel genere giallo e riportata dal quotidiano «The Guardian». La classifica è stata stilata sulla base delle vendite in libreria, degli incassi al box office, delle aste e dei ricavi delle compagnie editoriali.

Leggi anche: I cento migliori libri classici di tutti i tempi per festeggiare i 60 anni della fortunata collana Penguin.
Con oltre 100 milioni di sterline (circa 120 milioni di euro) e oltre 100 milioni di copie di libri che hanno per protagonisti James Bond venduti in tutto il mondo, Ian Fleming si è guadagnato il primo posto nella classifica, seguito da Agatha Christie con 100 milioni di sterline precise: la somma comprende oltre che i diritti per bestseller quali «Assassinio sul Nilo» e «Assassinio sull'Orient-Express» anche l'incasso dei biglietti per «Trappola per topi», il dramma più a lungo rappresentato nella storia del teatro, ininterrottamente nei cartelloni dei teatri del West End di Londra dal 1952.



Al terzo posto si piazza il più ricco scrittore inglese vivente di gialli, Jeffrey Archer, 71 anni, con 120 milioni di copie vendute e un guadagno di 70 milioni di sterline. Archer pubblicherà quest'anno una saga in cinque volumi intitolata «The Clifton Chronicles».



Quarto posto per Jack Higgins, 82 anni, con oltre 50 milioni di sterline: il suo romanzo «La notte dell'aquila» del 1975 è un bestseller tradotto in più di cinquanta lingue ed i suoi romanzi hanno venduto più di 250 milioni di copie nel mondo. Solo quinto Ken Follett, autore del bestseller «I pilastri della Terra, con 50 milioni di sterline precise. Completano la top ten Dick Francis (poco sotto i 50 milioni di lire), uno degli autori preferiti dalla Regina Madre, Ruth Rendell (più di 30milioni), Lee Child (30 milioni), Ian Rankin (25 milioni) e Alexander McCall Smith (20 milioni).

 


Ma se si lascia la Gran Bretagna per guardare agli Stati Uniti d'America, le somme pur stratosferiche guadagnate da Ian Fleming e Agatha Christie impallidiscono. La classifica che riguarda gli scrittori americani di gialli vede in testa John Grisham con 600 milioni di dollari e Dan Brown, autore de «Il Codice Da Vinci», con 400 milioni di dollari. La lista americana prosegue poi con Patricia Cornwell (con oltre 300 milioni di dollari), Robert Ludlum (300 milioni di dollari), Michael Crichton (300 milioni di dollari), Michael Connelly (250 milioni di dollari), Thomas Harris (150 milioni di dollari), Elmore Leonard (100 milioni di dollari), Ed McBain (75 milioni di dollari) e James Ellroy (50 milioni di dollari).

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1

Dan Brown (Exeter, 22 giugno 1964) è uno scrittore statunitense di thriller. Il suo romanzo di maggiore successo è Il Codice da Vinci . Pr...

Dan Brown (Exeter, 22 giugno 1964) è uno scrittore statunitense di thriller. Il suo romanzo di maggiore successo è Il Codice da Vinci.

Primo di tre figli, Brown crebbe ad Exeter, nel New Hampshire. Suo padre Richard insegnava matematica alla Phillips Exeter Academy, scrisse alcuni testi scolastici su quest'argomento e vinse un importante Presidential Award. La madre di Brown, Connie, era una musicista professionista.

Brown ricevette un'educazione cristiana e sia lui che i suoi fratelli frequentarono la Phillips Exeter Academy. Terminati questi studi nel 1982, Brown si iscrisse all'Amherst College, dove fu membro della confraternita Psi Upsilon e si laureò nel 1986.

Si trasferì ad Hollywood per intraprendere una carriera di cantante-autore e pianista. Di questa sua carriera rimangono quattro CD.
Leggi anche: Crypto, qualcuno ha messo a punto un programma capace di "ingannare" il più sofisticato strumento informatico di spionag­gio al mondo.
Lasciò Hollywood per studiare storia dell'arte all'Università di Siviglia in Spagna, dove cominciò a studiare seriamente le opere di Leonardo da Vinci e a nutrire l'interesse per la crittografia.

Nel 1993 fece ritorno al New Hampshire, per insegnare inglese alla Phillips Exeter ed alla Lincoln Akerman School. Nel 1994, durante una vacanza a Tahiti, lesse un romanzo di Sidney Sheldon e si rese conto di poter fare di meglio.

Nel 1995 scrisse un romanzo a quattro mani con sua moglie intitolato 187 Men to Avoid: A Guide for the Romantically Frustrated Woman e nel 1996 lasciò il lavoro di insegnante per iniziare la sua carriera di scrittore a tempo pieno. Attualmente vive a Rye, nel New Hampshire.
Leggi anche: La verità del ghiaccio è un romanzo pieno di particolari, tensione e colpi di scena. 
Blythe, sua moglie è una storica dell'arte ed una pittrice, che lo aiuta nelle sue ricerche. Storiografia e successo. I suoi primi tre libri ebbero un riscontro mediocre, ma il quarto romanzo, Il codice da Vinci, divenne un bestseller, salendo in cima alla lista dei New York Times Best Seller già nella prima settimana di pubblicazione, nel 2003.

Con le sue 70 milioni di copie vendute il codice è da considerarsi tra i libri più conosciuti al mondo. Sull'onda di tale successo anche i primi libri sono stati rilanciati facendoli comparire nel 2004 nella lista del New York Times nella stessa settimana; nel 2005 entrò nella lista dei Time magazine's 100 most influential people of the year.

I personaggi nei libri di Brown portano spesso il nome di persone reali della sua vita. Robert Langdon porta il nome di John Langdon, l'artista che ha creato gli ambigrammi usati per il CD ed il romanzo Angeli e Demoni.
Leggi anche: Il Codice da Vinci un successo planetario, un fenomeno di costume, un libro controverso e criticato. 
Il camerlengo Carlo Ventresca porta il nome dell'amica cartoonista Carla Ventresca. Negli Archivi Vaticani, Langdon ricorda il matrimonio di due suoi amici, Dick e Connie, che portano il nome dei suoi genitori. L'editor di Robert Langdon, Jonas Faukman, porta il nome dell'editor di Dan Brown, Jason Kaufman.

Brown ha anche detto che altri personaggi sono basati su un libraio del New Hampshire, e su un insegnante francese a Exter, Andre Vernet (che nel Codice Da Vinci era il presidente della banca dove Saunière aveva messo la chiave di volta). Il cardinale Aldo Baggia, in Angeli e Demoni, porta il nome di Aldo Baggia, insegnante di linguaggi moderni alla Phillips Exeter Academy.

Nel 2006, Il codice da Vinci uscì come film, distribuito dalla Columbia Pictures, ed ebbe Ron Howard come regista. Nel film, Tom Hanks è Robert Langdon, Audrey Tautou è Sophie Neveu e sir Ian McKellen è sir Leigh Teabing. È stato molto pubblicizzato ed è servito a lanciare il Festival di Cannes del 2006, sebbene abbia ricevuto in generale critiche negative.

Fu successivamente messo nella lista dei peggiori film del 2006, ma anche il secondo film di maggiore incasso dell'anno, incassando 750 milioni di dollari in tutto il mondo. Brown fu messo come uno dei produttori esecutivi del film Il codice da Vinci. Una delle sue canzoni, "Phiano", che Brown scrisse e cantò, fecero parte della colonna sonora del film. Nel film, Brown e sua moglie possono essere visti sullo sfondo delle scene iniziali. Il film successivo, Angeli e demoni, è uscito il 15 maggio del 2009, sempre con Ron Howard e Tom Hanks.

 Critiche.

    * Alcuni critici di area cattolica, risentiti per le accuse lanciate soprattutto contro l'Opus Dei, lo accusano di appartenere ad un'area filo-massonica.
    * Un'altra critica è data dalle numerose incongruenze storiche, che sarebbero presentate come vere, inserite soprattutto ne Il Codice Da Vinci; a tal proposito si rammenta che i libri di Brown sono romanzi e, come ricorda egli stesso nelle note all'inizio dei volumi, frutto di fantasia. Tuttavia egli ha in alcuni momenti sostenuto di aver attinto a fonti attendibili, causando molta confusione (e dando ampia visibilità alle sue opere). Dan Brown è stato accusato dagli storici Michael Baigent e Richard Leigh di aver prodotto Il codice da Vinci copiando il loro libro Il mistero del Graal, edito nel 1982, e scritto con un giornalista, Henry Lincoln. Nella vicenda giudiziaria che ne è nata, la Corte d'appello di Londra ha dichiarato Brown non colpevole, imponendo a Baigent e Leigh il pagamento di 2 milioni di sterline per le spese legali.

Romanzi.

I suoi romanzi sono stati tradotti in più di 45 lingue.

Crypto (Digital Fortress) (1998)
Angeli e demoni (Angels & Demons) (2000)
La verità del ghiaccio (Deception Point) (2001)
Il Codice Da Vinci (The Da Vinci Code) (2003)
Il simbolo perduto (The Lost Symbol) (2009)
Inferno (2013)
Origin (2017)
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1

Random Posts

Archivio

follow us in feedly Segnala Feed WebShake – spettacolo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Aggregatore di blog FeedelissimoItalian Bloggers Blog ItalianiAggregatore My Ping in TotalPing.com